Passa ai contenuti principali

Recensione 'Dracul' di Dacre Stoker & J. D. Barker - Nord


Titolo: Dracul || Autore: Dacre Stoker & J. D. Barker || Editore: Nord
Data di pubblicazione: 20 giugno 2019 || Pagine: 467

Colpi alla porta. Sempre più rapidi, sempre più forti. Barricato in cima alla torre abbandonata, Bram Stoker prega che i cardini tengano e, nel frattempo, si prepara. Appende crocifissi e specchi alle pareti, carica il fucile e attende. Infine, temendo di non, arrivare vivo all'alba, prende carta e penna e inizia a scrivere tutto quanto è accaduto fino a quel momento... La storia comincia quando Bram ha cinque anni. È un bambino cagionevole, spesso costretto a letto, che passa gran parte del tempo con la sorella Matilda. L'unica persona in grado di farlo stare meglio è Ellen, la giovane tata. Eppure c'è qualcosa di strano in lei, nei suoi modi enigmatici, nella sua carnagione pallidissima. All'inizio è solo una sensazione, poi Bram si rende conto che, da quando Ellen lo «cura», ha una strana ferita al polso, due forellini che non si rimarginano mai. Inoltre spesso Ellen esce di nascosto di notte e, quando capita, al mattino le pagine dei giornali riportano la notizia di brutali omicidi avvenuti a Dublino. I sospetti di Bram e Matilda si fanno sempre più concreti, ma poco tempo dopo, all'improvviso, Ellen sparisce. Gli anni passano. Miracolosamente guarito, Bram continua gli studi al Trinity College, mentre Matilda parte per Parigi. Al suo ritorno, corre da Bram con una notizia inquietante: ha visto Ellen, ancora giovane e bella come quando loro erano bambini. I due fratelli non lo sanno, ma quello sarà l'inizio di un incubo: l'incontro di Bram con una creatura allo stesso tempo spaventosa e affascinante, un incontro che, anni dopo, darà vita a un «romanzo» destinato a diventare leggenda...




Io sono una lettrice problematica e ho tante piccole abitudini che fatico ad abbandonare: non esco mai dalla mia comfort zone, ho dei grandissimi pregiudizi verso alcuni generi e alcune Case Editrici, ma, soprattutto, sono una di quelle lettrici che quando inizia un libro deve finirlo in tempi abbastanza brevi. Per intenderci, un libro come Dracul, con le sue 467 pagine, solitamente lo leggo in 4/5 giorni al massimo. Se inizio a trascinarmi una lettura, per quanto bella possa essere, finisco per detestarla!
Sapete quanti giorni ho impiegato per leggere questo libro? OTTO! Sì, otto giorni. Un po' per colpa del caldo, un po' per una latente mancanza di concentrazione e la poca voglia di leggere che mi ha assalita in questo periodo e, infine, un insieme di piccoli imprevisti, mi sono trovata a trascinare questo libro di giorno in giorno, a trascorrere giornate in cui sono riuscita a leggere appena 10 pagine e altre in cui non l'ho neanche aperto.
Eppure, io questo libro l'ho amato profondamente! E questo può voler dire solo una cosa: Dracul è un libro che merita di essere letto!

Facciamo però una premessa importante: non aspettatevi di leggere la storia del Conte Dracula; nel caso in cui abbiate già letto "Dracula", dimenticatevene! In caso contrario, evitate di leggerlo prima di questo libro o, quantomeno, cercate di far trascorrere un po' di tempo tra le due letture.
Questo perché Dracul è il diario di Bram Stoker e come tale viene riportato tra le pagine di questo libro.

Bram Stoker Fonte: Wikipedia
Immergersi in questo romanzo vorrà dire scoprire come la leggenda di Dracula è arrivata a noi e, soprattutto, chi era Bram Stoker: un bambino dalla salute cagionevole che, sino all'età di 7 anni non riusciva quasi ad alzarsi dal letto, Bram era molto legato alla sorella Matilda, una ragazzina appena più grande di lui e già dotata di un notevole talento artistico.
Le giornate di Bram trascorrevano tra le quattro mura della sua cameretta, con l'unica compagnia, oltre a quelle di Matilda e della madre, Charlotte, della tata, Ellen Crone.
Proprio Ellen è un personaggio centrale di questo romanzo: è lei che salverà Bram appena nato e sarà sempre lei che veglierà su di lui durante tutti gli anni di malattia, sino a quell'ultima, atroce notte, durante la quale Bram sembrerà più vicino al regno dei morti che a quello dei vivi.
Sottoposto a salassi dallo zio Edward, medico e fratello del padre di Bram, il bambino si salverà solo dopo l'arrivo della tata Ellen, che caccerà via tutti e, rimasta sola con lui, metterà in atto i suoi metodi sconosciuti.
Da quel momento, Bram non si ammalerà mai più. Anzi, crescendo diventerà un ragazzo forte e che eccellerà nelle attività sportive.
Nessuno della sua famiglia ammetterà mai che la sua guarigione fu merito di tata Ellen; tutti continueranno a credere che fu lo zio Edward a salvare Bram da morte certa.
Nessuno, però, sa cos'hanno visto Bram e Matilda la notte dopo la guarigione di Bram. E nessuno sa, soprattutto, che fine abbia fatto tata Ellen dopo quella notte.
Sarà Dacre Stoker, discendente diretto di Bram, a raccontarci, attraverso le parole vergate dal suo avo, cosa accadde dopo quella notte.
E lo fa senza omettere nulla, portandoci tra le strade di Dublino, nei cimiteri sconsacrati, tra tombe trafugate e arti seppelliti.
Dacre Stoker non lascia alcuno spazio alla fantasia: ogni momento della storia di Bram ci viene minuziosamente descritto, senza che questo porti mai il lettore ad annoiarsi, a trovare superflua alcuna pagina.
Ma non saranno solo gli occhi di Bram quelli attraverso cui scopriremo le vicende della sua vita e, soprattutto, chi era Dracula. Accanto a lui e alle pagine del suo diario, troveremo le lettere che Matilda scrisse alla tata scomparsa misteriosamente; troveremo le pagine in cui il fratello maggiore di Bram, Thornley, ci racconterà l'improvvisa pazzia dell'amata moglie, Emily. E, infine, leggeremo il resoconto degli appunti di Arminius Vambéry, un oscuro personaggio che affiancherà i tre fratelli nel viaggio che li porterà alla ricerca di Ellen.
Ciò che più mi ha stupita di questo romanzo, è la grande e profonda storia d'amore che nasconde tra le sue pagine. Ed è proprio questa storia d'amore che dà il via a molte delle vicende che porteranno il Conte Dracula nella vita di Bram Stoker.
Se vi dovesse capitare di cercare questo libro su Amazon o su Goodreads, notereste che viene contrassegnato come Dracul#1. Ammetto che, dopo aver scoperto che potrebbe trattarsi di una duologia, ho sbuffato. A lettura conclusa, però, posso dirvi che questo romanzo ha un finale assolutamente chiuso: nulla rimane in sospeso, nessuna storia rimane aperta, tutti i personaggi trovano una loro collocazione
.
Ma è anche vero che un eventuale seguito avrebbe un suo senso e, sicuramente, ci porterebbe a scoprire quale fu il rapporto tra Bram e Dracula.

Indipendentemente dai giorni che ho impiegato per leggere questo romanzo, posso affermare che si tratta di una storia meravigliosa, scritta in maniera superlativa e, tenetevi forte, come Bram tenne a sottolineare quando consegnò i suoi diari al suo primo editore, assolutamente vera!

Commenti

  1. Wow! Ero davvvero dubbioss se leggerlo o meno. Ma dopo questa recensione credo proprio lo leggerò :)

    RispondiElimina
  2. Preferisco il Dracula originale ai diari di Bram, sicuramente interessanti ma comunque romanzati o meglio utilizzati dal diretto discendente per i suoi fini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo questo sia il centesimo libro di cui leggi la recensione e ti premuri di comunicarmi che non ti interessa! Dovrò istituire un premio solo per te!

      Elimina
  3. L'ho letto poco tempo fa e mi è piaciuto molto quindi non posso che concordare con le tue parole, La Libridinosa!
    Ora non mi resta che leggere Dracula, che posseggo da tempo ma è ancora lì che attende io trovi il momento giusto.

    Buone letture, con un sorriso

    RispondiElimina
  4. L'ho letto poco tempo fa e mi è piaciuto molto quindi non posso che concordare con le tue parole, La Libridinosa! :-D
    Ora non mi resta che leggere Dracula, che posseggo da tempo ma è ancora lì che attende io trovi il momento giusto.

    Buone letture, con un sorriso

    Ondina
    http://al-nair.com

    ps. ho provato a commentare con nome/url ma non mi è possibile :-(

    RispondiElimina
  5. Ho finito di leggere il libro da pochi giorni. Prima di iniziarlo, avendo molto amato il primo "Dracula", pensavo che fosse il classico rimpasto....invece no!!!! Ho adorato questo libro, anche se nella prima parte l'ho trovato alcune volte poco scorrevole. Nella seconda parte, quando gli autori cominciano a narrare delle vicende di quando sono grandi, il libro mi ha veramente conquistato. Anche se certi paragoni con l'opera iniziale d Stoker sono impossibili da non fare, ho capito di leggere una storia di amore a tinte gotiche e non un horror dei giorni nostri. Bellissimo libro veramente consigliato

    RispondiElimina
  6. Si pensavo fosse una questione di business come marciare sul cognome stoker. Sbagliavo, libro bellissimo, avvincente, sinistro. Questo mi insegna a non partire prevenuto. Semplicemente wow

    RispondiElimina
  7. È capolavoro, niente altro che capolavoro. E ho detto tutto.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g