Passa ai contenuti principali

Recensione 'Io sono Ava' di Erin Stewart - Garzanti


IO SONO AVA || Erin Stewart || Garzanti || 13 febbraio 2020 || 330 pagine

Ava era mille cose. Era una ragazza che adorava cantare. Era una ragazza con tanti amici. Ora è solo la ragazza con le cicatrici. E passato un anno dall'incendio in cui ha perso i genitori. Un anno in cui Ava ha tagliato i ponti con il mondo perché le fa troppa paura. Ora è costretta a tornare a scuola. Una scuola nuova dove non conosce nessuno. Una scuola che - ne è sicura - sarà piena di ragazzi che non faranno altro che osservare il suo viso per poi allontanarsi spaventati. Chi vorrebbe mai fare amicizia con lei? Quali nuovi modi di prenderla in giro si inventeranno i suoi compagni? Non appena si avventura in quei corridoi i suoi incubi si avverano: non incrocia nessuno sguardo e, al suo passaggio, sente solo sussurri. Fino a quando i suoi occhi non incontrano quelli di Asad e Piper, gli unici ad avere il coraggio di andare oltre il suo aspetto. Di vedere la vera Ava dietro le cicatrici. Perché anche loro si sentono soli e incompresi. La loro amicizia la aiuterà a ricominciare. Le farà capire che nessuno è diverso, ma ognuno è unico così come è. La storia di una ragazza che scopre la forza che ha dentro di sé. La storia di un'amicizia più forte di tutto.





C'è sempre un po' di bellezza nella cenere. A volte, semplicemente, non riusciamo a vederla.

Ho parlato per la prima volta di Ava con Alice Basso (guardate il retro di copertina e capirete!).
Tra una chiacchiera e l'altra, ho capito che io Ava avrei voluto conoscerla!

Ava è una ragazza di sedici anni, anzi Ava è una sopravvissuta di sedici anni: un incendio ha distrutto la sua casa, ha ucciso i suoi genitori e la cugina Sara e ha cambiato per sempre la sua vita e il suo aspetto fisico.
Ha il corpo ricoperto di cicatrici; cicatrici lasciate dalle ustioni, cicatrici dovute ai diciannove interventi chirurgici subiti nell'anno appena trascorso. Ma è l'anima di Ava quella da curare, quella che ha subito le ferite peggiori.

Questo romanzo ci viene presentato come una sorta di Wonder. Non lo è. Certo, in alcune situazioni potrebbe ricordarlo, ma non lo è.
Innanzitutto, la protagonista è una ragazza di sedici anni; inoltre, Ava si trova a dover affrontare un corpo deturpato non a causa di una malattia, ma per colpa di un incendio.
Ava non è nata così, anzi! Era una ragazza molto carina, socievole, solare e con una grande passione per il teatro e per il canto. 
Ava non è nata così, Ava dovrà imparare a convivere con un volto e un corpo che non le appartengono
Provate a pensare quanto possa essere difficile, in un'età già di per sé complicata, dover fare i conti con un aspetto fisico che non è quello a cui si era abituati; pensate a cosa voglia dire guardare il proprio volto in uno specchio e non trovarlo più.
Questa è la prima e fondamentale differenza tra Ava e Auggie.

Ava è una sopravvissuta: due mesi di coma, numerosi interventi, il fuoco ha oltrepassato la pelle, le ha bruciato le ghiandole sudoripare, i bulbi piliferi, le terminazioni nervose.
Ava non ha più i capelli: il suo cranio è coperto da piccole chiazze stoppose; non ha più ciglia, sopracciglia, palpebre; le sue labbra sembrano sciolte. Ava indossa sempre una bandana, perché al posto di una delle due orecchie ha un buco.

Ava deve imparare a riaffrontare la vita, gli sguardi della gente, quei lunghi corridoi di scuola fatti di sussurri, ghigni, bisbigli.
Lo deve a sé stessa, ma soprattutto a Cora e Glenn, i suoi zii, che in quell'incendio hanno perso Sara e che le stanno accanto giorno dopo giorno.

Ava attraverserà quei corridoi con lo sguardo basso, spesso rifugiandosi in angoli nascosti e silenziosi; finché nella sua vita non arriva Piper, cicatrici nascoste sotto una guaina rosa shocking, due ali tatuate sulla schiena e una sedia a rotelle a tenerla ancorata a terra!
Ava e Piper diventeranno amiche e, esattamente come accade a quell'età, si faranno forza a vicenda, si appoggeranno l'una all'altra per superare quelle barriere che la vita ha messo sulla loro strada! Ma proprio come accade a sedici anni, qualcosa tra loro si incrinerà e porterà nuovo dolore nella vita di entrambe.

Io sono Ava è una storia dolce e dolorosa al tempo stesso. C'è del buonismo? Forse in qualche parte sì, ma non sfocia mai nel pietismo gratuito.
È una storia che racconta un pezzetto di vita, di dolore e di speranza e che ci ricorda quanto avere accanto qualcuno che ci guardi per ciò che siamo, sia fondamentale.


E adesso le note negative che, per fortuna, non riguardano il romanzo in sé!
Non so per quale motivo la Garzanti abbia deciso di cambiare la copertina originale: quel caschetto rosa ha un significato molto preciso nel contesto della trama; la cicatrice sul volto della copertina italiana, invece, no. Inoltre, in questo romanzo pare siano bruciati anche i congiuntivi; spesso mi sono lamentata di pessime traduzioni o editing poco accurati, ma mai mi ero imbattuta in un intero romanzo in cui tutti, assolutamente tutti i congiuntivi vengano sostituiti dall'indicativo.
Si continua a ripetere che il congiuntivo sia in disuso, ma è una cosa a cui, personalmente, non ho intenzione di rassegnarmi.

A parte questi piccoli particolari che, come detto, non inficiano assolutamente su una storia molto bella e delicata, vi consiglio di leggere questo romanzo, perché vi ricorderà quanto l'amicizia sia un punto fondamentale della vita di ogni persona!

Ringrazio Garzanti per avermi fornito una copia del romanzo


Commenti

  1. questo libro molto sensibile e molto curato mi è piaciuto molto

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i