Passa ai contenuti principali

Recensione 'Carlo è uscito da solo' di Enzo Gianmaria Napolillo - Feltrinelli


CARLO È USCITO DA SOLO || Enzo Gianmaria Napolillo || Feltrinelli || 5 marzo 2020 || 248 pagine

Carlo ha trentatré anni e non esce mai da solo. Non rivolge la parola agli sconosciuti e conta tutto ciò che lo circonda: le briciole sul tavolo, le gocce di pioggia sulla finestra, le stelle in cielo. "Una linea retta è una serie infinita di punti", così gli ha detto anni prima la professoressa delle medie, ma non l'ha avvisato che alcune rette possono essere interrotte. Come la linea rassicurante della sua vita, che un giorno è andata in pezzi e da allora non è più stato possibile aggiustarla. Per questo ora Carlo si circonda di abitudini e di persone fidate, come i suoi genitori e sua sorella Giada: ha costruito un muro tra lui e il mondo esterno. Finché una mattina incontra Leda, la nuova ragazza del bar dove fa sempre colazione con il padre, ed è lei a creare una crepa nel muro, a ridargli un raggio di speranza. Nelle loro durezze, nei loro spigoli, riconoscono il reciproco dolore, stringono una tacita alleanza e cercano la forza per affrontare i ricordi e camminare liberi verso il futuro. Il racconto di un ragazzo e una ragazza danneggiati dalla vita, la storia tenace di un uomo che non si arrende e di una donna che potrebbe aiutarlo a rinascere, a darsi una possibilità. A uscire da solo, per non essere più solo.




Ha trentatré anni e non esce mai da solo. Conosce a memoria decine di numeri di telefono, il prezzo al chilo del pane e del prosciutto. La matematica e una memoria fotografica lo aiutano a delimitare confini in cui sentirsi al sicuro.
Lui è Carlo e io gli voglio bene. Abbiamo trascorso insieme due pomeriggi. In silenzio, accoccolata in poltrona e con la coperta sulle gambe, una tazza di cappuccino e un cornetto a farmi compagnia. 
Mi sono intrufolata nella vita di Carlo, ho aperto la porta della sua camera e l'ho visto lì, un ragazzone alto alto, piedi grandi, spalle larghe, cuffie alle orecchie e la testa che dondolava al ritmo di musica.
Mi sono seduta accanto a lui, sul pavimento, ma non l'ho toccato, perché non volevo distrarlo né spaventarlo. L'ho osservato, silenziosa; ho ascoltato i suoi silenzi, spiato le sue paure, sentito il suo dolore.

Carlo ha trentatré anni, non esce mai da solo. La mattina va a fare colazione al bar con papà Anselmo: cappuccino e cornetto per due, grazie! Carlo si gira e i suoi occhi si perdono in quelli di Leda, la nuova barista. È un attimo, un soffio, un alito di sorriso prima che Carlo abbassi lo sguardo.
Ma in uno sguardo, lo sappiamo, può nascondersi quello spiraglio, quella chiave necessaria ad aprire una porta chiusa da troppo tempo.

Torna Enzo Gianmaria Napolillo, cinque anni dopo Le tartarughe tornano sempre, e lo fa con quella scrittura di cui mi sono innamorata leggendo la storia di Giulia e Salvatore.
Enzo torna e ci racconta di un ragazzo di nome Carlo che vive chiuso in un guscio: la sua camera, la sua musica, una routine consolidata. 
Carlo ha subìto, ha taciuto, ha deciso di chiudere la vita fuori da una porta. Al di qua di quell'uscio solo mamma Rita, papà Anselmo e la sorella Giada.
Finché Leda non deciderà che un sorriso di zucchero su un piattino potrebbe essere la chiave giusta per aprire quella porta.
Il sorriso di zucchero è nei riflessi del vetro, scolpito nella ceramica del piattino. Ci prova a contare le gocce, ma sono troppe.
In questo suo nuovo romanzo, Napolillo ci racconta una storia fatta di dolore e solitudine: la solitudine di Carlo, sicuramente, ma anche quella di due genitori che si troveranno ad affrontare un figlio che, giorno dopo giorno, si chiuderà in se stesso; due genitori impotenti davanti al dolore di un ragazzo, due genitori che dovranno fare i conti con le loro imperfezioni e i loro errori.
E nell'ombra di questo dolore e dei silenzi che avvolgono le mura di casa di Carlo, c'è anche Giada, una sorella che impara a farsi da parte, che si rannicchia nel guscio di chi è costretto a venire sempre dopo.

Napolillo ci racconta, con estrema delicatezza e senza alcun eccesso, quanto le parole dei nostri ragazzi possano distruggere una vita, quanto la paura possa fare a pezzi un sorriso.
Carlo è uscito da solo è una storia delicata che apre la porta sull'oscurità dell'adolescenza, sulla cattiveria gratuita che i ragazzi sono in grado di usare come arma.
Carlo e Leda sono due ragazzi a cui la vita ha fatto troppo male, hanno ferite non evidenti, ferite dell'anima, cuori spezzati. Carlo e Leda si riconoscono, si prendono per mano, si guardano negli occhi e capiscono che per riemergere da quell'acqua che li ha sommersi, per tornare a respirare, devono guardare entrambi nella stessa direzione, devono camminare insieme verso il loro orizzonte.
Carlo capisce di non essere l'unica vittima, che il dolore e la paura sono sentimenti comuni, che l'unico modo per sconfiggerli è creare il proprio piccolo mondo, abitarlo di persone scelte con cura, perché è saper scegliere a fare la differenza.
Ho iniziato a leggere questo libro e ho sentito ogni parte del mio corpo andare in pezzi; andavo avanti con la lettura e non riuscivo più a ricompormi. Sono arrivata all'ultima pagina ed ero cenere. Ho pianto, ho sentito mio il dolore di Carlo, avrei voluto abbracciarlo, avrei voluto urlare, avrei voluto far miei i suoi lividi, le sue ferite, i suoi silenzi.

Lui è Carlo, ha trentatré anni, è uscito da solo e io gli voglio bene! 


Ringrazio Feltrinelli Editore per avermi fornito una copia del romanzo

Commenti

  1. Jacques Van Schoor19 marzo 2020 19:28

    È un romanzo bellissimo di un autore che possiede il suo stile. Parla dei suoi personaggi con dolcezza e tenerezza. L'onniscienza gli permette di far vedere al lettore le loro anime (soprattutto quelle belle). Sequenze al presente e al passato alternano finché non si raggiungono alla fine del romanzo. Un racconto pieno di umanità… anche se è presente pure la crudeltà di alcuni… (Ho tradotto «Le tartarughe tornano» sempre in francese, e spero di poter tradurre fra poco «Carlo è uscito da solo».)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo... una gran sofferenza pensare a quanto possano essere comuni situazioni come quelle di Carlo. Scrittura toccante, lieve ma profonda. Bello davvero. Avevo molto amato anche "Le tartarughe tornano sempre". Carlo è stata una conferma.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i