Passa ai contenuti principali

Recensione 'La donna degli alberi' di Lorenzo Marone - Feltrinelli

 


LA DONNA DEGLI ALBERI || Lorenzo Marone || Feltrinelli
5 novembre 2020 || 224 pagine

La donna è sola, inquieta, in fuga: non vuole più restare dove non c'è amore. Ha lasciato la città, nella quale tutto è frenetico e in vendita, ed è tornata nella vecchia baita dell'infanzia, sul Monte. Qui vive senza passato, aspetta che la neve seppellisca i ricordi e segue il ritmo della natura. C'è un inverno da attraversare, il freddo da combattere, la solitudine da farsi amica. Ci sono i rumori e le creature del bosco, una volpe curiosa e un gufo reale che bubola sotto un pergolato. E c'è l'uomo dal giaccone rosso, che arriva e che va, come il vento. A valle lo chiamano lo Straniero: vuole risistemare il rifugio e piantare abeti sul versante nord della montagna, per aiutarla a resistere e a tornare fertile. Una notte terribile riporta la paura, ma la donna si accorge che ci sono persone che vegliano su di lei: la Guaritrice, muta dalla nascita, che comprende il linguaggio delle piante e fa nascere i bambini; la Rossa, che gestisce la locanda del paese; la Benefattrice, che la nutre di cibo e premure. Donne che sanno dare riparo alle anime rotte, e che come lei cercano di vivere pienamente nel loro angolo di mondo. Mentre la montagna si prepara al disgelo e a rifiorire, anche la donna si rimette in cammino. Arriverà un altro inverno, ma ora il Monte la chiama.



Di Lorenzo potrei dire di conoscere mille sfaccettature e molte di queste le ho intraviste tra le pagine dei suoi romanzi.
Ho visto l’ironia e il dolore, le risate e le lacrime, i silenzi, le parole appena sussurrate, i sogni. 
Mi immergo, ogni volta, in una sua nuova storia e, ogni volta, ne esco un po’ diversa. 

La donna degli alberi mi ha accompagnata in un viaggio dentro me stessa: sono stata fagocitata da questa donna sconosciuta e senza nome, una figura indistinta ma tenacemente viva e vivida che ha fatto della mia pelle la sua pelle, dei miei occhi il suo sguardo, dei miei piedi i suoi passi, dei miei silenzi le sue urla, del mio dolore il suo dolore. 

Ci siamo incamminate, fianco a fianco, senza mai sfiorarci realmente, ma stringendoci in uno straziante abbraccio, e abbiamo attraversato quel bosco. 
I rami hanno graffiato i nostri volti, siamo scivolate sul terreno scosceso, aggrappandoci l’una all’altra per non cadere; abbiamo vagato, spaventate, nella nebbia e, infreddolite, nella neve. La pioggia ha lavato le nostre mani e il buio ha protetto i nostri sonni. 
Siamo state, insieme e sole, un unico essere e un’unica anima. 
Ho visto le sue mani tremare mentre asciugava le lacrime che bagnavano il mio volto. 
Ci siamo strette in un abbraccio lungo, doloroso e soffocante prima di dirci addio.
A volte l’equilibrio si rompe e nasce una stella.
Ho scoperto un nuovo Lorenzo, anche questa volta. Era lì, perduto in quei boschi, silenzioso come solo lui sa essere. Mi ha riempito il cuore di parole come solo lui sa fare. Mi ha parlato senza pronunciare neanche una parola.

Non cercate l’ironia tra queste pagine. Non ci sono sorrisi, personaggi, parole; non c’è il sole di Napoli, non c’è un filo unico che vi accompagni dalla prima all’ultima pagina. 
C’è un labirinto di emozioni da districare, c’è un pezzetto di ognuno di voi, di noi. 

Cercatevi tra queste righe: sedetevi e ascoltate i battiti del vostro cuore, lasciate andare il vostro respiro.
Cercate con lo sguardo quel gufo solitario, allungate la mano verso il muso della volpe timorosa.

Prendetevi una pausa, fermate i passi frettolosi.
Qui.
Adesso.
Udite l’urlo. Liberate il silenzio.
Asciugate il pianto.
Riabbracciate voi stessi.
E quando hai un nome, hai un luogo a cui tornare […] La donna degli alberi, ho ripetuto sottovoce, ed è bastato un movimento di labbra a farmi amare il mio nome nuovo.

 


Ringrazio l'ufficio stampa per avermi inviato copia del romanzo

 

Commenti

  1. Davvero una bellissima recensione Laura. Mi è arrivata ogni emozione che hai messo su carta. Non mi resta che leggere il romanzo adesso. 💚

    RispondiElimina
  2. Recensione veramente emozionante... mi hai fatto venire in mente il libro che ho letto qualche tempo fa "Dentro soffia il vento" di Diotallevi Francesca.. Comunque Marone scrive benissimo quindi non ho dubbi che sarà una delle mie prossime letture ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo ha un grande dono, non lo scopriamo oggi, hai ragione!

      Elimina
  3. Bellissima recensione!!! Mi hai emozionata, hai fatto bene a scriverla di pancia:)

    RispondiElimina
  4. Poesia. Perché nasce dal tuo profondo. Ha saputo far uscire ciò che si era depositato nel tuo animo.
    Grazie.

    RispondiElimina
  5. Sto scoprendo in questi giorni Lorenzo Marone. Lo conoscevo già come giornalista, grazie ai suoi articoli su La Repubblica, ma non avevo ancora letto un suo libro. Ho iniziato con "La tentazione di essere felici", con qualche perplessità per il titolo, che mi sembrava piuttosto banale. Ma il romanzo è tutt'altro e, ora che ho letto la tua magnifica recensione, ho messo in lista il prossimo, che sarà "La donna degli alberi". Grazie per le emozioni che trasmetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di consigliarti di leggere i romanzi di Lorenzo in ordine di pubblicazione, per poterne apprezzare meglio l'evoluzione narrativa!

      Elimina
  6. Mi sono commossa,ogni tua parola recensita emana un'emozione, avvolgendoci in un caloroso abbraccio.
    Non vedo l'ora di comprare questo meraviglioso libro.
    Grazie di cuore💚

    RispondiElimina
  7. Recensione perfetta e completamente aderente alle mie sensazioni.Ho appena finito di leggere il libro "La donna degli alberi" e già mi manca! È un libro da rileggere e aiuta a meditare,offre molti stimoli di riflessione. Poesia pura!!!

    RispondiElimina
  8. Sinceramente questo scrittore, che mi aveva conquistato con La tentazione di essere felici, con questo libro mi ha letteralmente disorientato: la sua narrazione lirico-poetica è veramente pesante. Continuo a leggerlo sperando in un miracolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che passare dal primo romanzo, pubblicato ormai 7 anni fa, all'ultimo, sia stato un errore, sicuramente un'ingenuità.
      La scrittura di Lorenzo ha avuto un processo di crescita e cambiamento che solo leggendo tutti i suoi romanzi può essere compreso.
      È anche vero che "La donna degli alberi" è una storia completamente diversa rispetto a tutti gli altri suoi romanzi.

      Elimina
  9. Io amo Lorenzo Marone ma questo libro faccio fatica a digerirlo. Sembra quasi abbia voluto cimentarsi in un testo poetico ma.... "Troppo poetico" non so se mi spiego

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g