Passa ai contenuti principali

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le balene mangiano da sole' di Rosario Pellecchia - Feltrinelli

 


LE BALENE MANGIANO DA SOLE || Rosario Pellecchia || Feltrinelli || 4 marzo 2021 || 265 pagine

Bicicletta, musica nelle cuffie e via, verso la prossima consegna. Napoletano ventitreenne trapiantato a Milano, Gennaro Di Nola detto Genny, di professione rider, si diverte a indovinare il tipo di persona che gli aprirà la porta in base al cibo che ha ordinato. Quei pochi secondi in cui sbircia nella vita degli altri, fermo sul loro zerbino, sono per lui una tentazione irresistibile, ed è difficile che sbagli a tracciare un profilo. Una sera però, contro ogni pronostico, incontra Luca: dodici anni, capelli a spazzola con un po' di crestina, maglia del Napoli e un secchio grande di pollo fritto di Crispy World da mangiare da solo. La madre è uscita, il padre non c'è mai stato: è in un posto lontano a dar da mangiare alle balene, o almeno così gli è stato detto. Un'assenza che si riflette nei suoi occhi nerissimi e profondi, in cui Genny intuisce un dolore che li accomuna. Bastano poche battute perché il ragazzino riesca a convincerlo a entrare in casa per guardare insieme la Champions League in tv. Di partita in partita, nasce così un'amicizia tenera e un po' surreale, nonostante la diffidenza iniziale della madre di Luca, restia a fidarsi di uno sconosciuto. Finché Luca annuncia di voler andare a Napoli con Genny. Sarà una grande avventura e, al tempo stesso, un salto nel passato. Per poter finalmente andare incontro al futuro.


Eccoli, i rider, i ragazzi del delivery. [...] Puntini impazziti sullo schermo di uno smartphone, spesso senza mancia, sempre senza prospettive.
Il nostro rider si chiama Genny, Gennaro Di Nola all'anagrafe. Sfreccia per le strade di Milano in sella alla sua bici, con la divisa d'ordinanza, il "cubo" custode di cibo sulle spalle e le cuffiette nelle orecchie.
La musica non è mai troppo alta, un po' perché sarebbe pericoloso, un po' perché a Genny, in fondo, piace sentire i rumori della città: i clacson, il brusio della folla, i motori che rombano... Genny è così, ha fame di vita!
E fame di vita è quella che scorge nello sguardo di Luca, la sera in cui suona alla sua porta per consegnargli la cena: pollo fritto e patatine, il cibo perfetto per guardare la partita del Napoli.

Hanno lo stesso sguardo carico di tristezza, Luca e Genny. 
Il dolore funziona come il bluetooth: impiega un secondo a connettere due persone.
Dodici anni il primo, 23 il secondo e un'amicizia che, per quanto assurda, scatta in maniera quasi inconsapevole quanto veloce, prima grazie al tifo comune per il Napoli, poi, e soprattutto, a causa di quel dolore nascosto che pesa più di qualunque zaino abiti le loro spalle.

Genny è emigrato a Milano, dove frequenta l'Università, fuggendo da Napoli e da un dolore che lo blocca. Pedala per quelle strade sempre trafficate e piene di gente, consegna cibo nelle case, incuriosito da quell'umanità e da quelle dimore delle quali sbircia piccoli scorsi attraverso lo spiraglio di una porta.
Pedala, Genny, più veloce che può; e ogni pedalata è un pezzetto di distanza in più tra sé e il dolore, tra sé e i ricordi. 
Corre, al freddo, sotto la pioggia, col sudore che, d'estate, gli cola sugli occhi. Si sfianca, così da stancare anche i pensieri.
Luca, invece, il dolore lo nasconde come può, perché a 12 anni mica lo hai imparato come si gestiscono certe assenze. E allora riversa su Genny quella fame di affetto che si porta appresso da sempre.

Le balene mangiano da sole è una storia che fa della leggerezza la sua chiave di lettura, ma che, pian piano, si infila sotto pelle.
Rosario Pellecchia ci racconta un pezzetto di vita dei suoi protagonisti usando l'ironia insita nella scrittura partenopea, quell'ironia che accompagna il lettore in questo viaggio filo-calcistico che vedrà il Napoli veleggiare felice nel suo percorso in Champions League (eh quanta fantasia, Rosa'!!) e questi due ragazzi, così distanti per età, ma così vicini di cuore, costruire pian piano il loro rapporto speciale!

Dalla consegna di un pollo fritto al viaggio verso la capitale partenopea per assistere a Napoli - Barcellona, Luca e Genny compiranno tanti passi.
Ma sarà proprio quel viaggio la vera terapia di cui ognuno di loro aveva bisogno: 800 km necessari per capire, per piangere, per aprirsi, per crescere.
Per lasciar andare qualcosa che si è tenuto dentro per troppo tempo.

Con una scrittura che ricorda l'umorismo di Marsullo e l'appocundria tipica di Marone, Pellecchia ci regala una storia speciale che coniuga e bilancia perfettamente le risate e le lacrime, lasciando il lettore sazio di emozioni (e affamato di cibo, visti i titoli dei vari capitoli!).




Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito una copia del romanzo




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i