Passa ai contenuti principali

Recensione 'Diritto di sangue' di Gigi Paoli - Giunti


 DIRITTO DI SANGUE || Gigi Paoli || Giunti || 9 marzo 2022 || 316 pagine

Acquista qui


Dopo mesi di coma e sofferenze, Carlo Alberto Marchi è uscito dall’ospedale con pesanti conseguenze fuori e dentro di lui: è dipendente dagli antidolorifici, si muove con una stampella ed è tormentato da un fischio nelle orecchie che gli toglie il sonno. Lontano dal lavoro, l’affetto della figlia e della fidanzata non lo consola. Intanto, nel meraviglioso Parco delle Cascine, che di notte raccoglie i lati oscuri della città, viene trovato morto il proprietario del furgone che distribuisce panini ai nottambuli. Sembrerebbe una rapina, se non fosse che la vittima nasconde un passato violento. Ben presto le indagini si incastrano come un puzzle con gli anni più bui di Firenze. Ma soprattutto con un dolore che ha colpito la famiglia di Mar- chi e non ha mai avuto risposta. Una risposta a cui Marchi ha diritto. Un diritto di sangue.

Ci sono autori che vanno letti nel giorno d'uscita del loro libro; io non ne ho molti, ma con quei pochi cerco di organizzarmi per far sì che il loro libro arrivi tra le mie mani nel più breve tempo possibile se non addirittura in anteprima (uno dei pochi lati buoni delle collaborazioni).
Quindi, perché il romanzo di Gigi Paoli, autore che rientra in quella nicchia di "protégée", appare su questi schermi con (non) colpevole ritardo?
Perché a fronte di uno scrittore che coniuga educazione, simpatia e disponibilità, io mi sono ritrovata ad avere a che fare con un ufficio stampa con caratteristiche esattamente opposte.
Ecco perché, dopo una sfilza di mail e una telefonata affatto piacevole, il libro è giunto tra le mie mani grazie al "brutto e cattivo" Amazon! Cosa che a noi blogger accade più spesso di quanto si creda e il cui unico fastidio consta proprio nel ritardo col quale ho acquistato la mia copia; cioè, quando mi sono stufata di stare appollaiata sul muretto in attesa della copia omaggio!

Chiusa questa odissea, è iniziata la mia lettura di Diritto di sangue e il mio ritorno nella vita di quel Carlo Alberto Marchi che, un anno fa, avevo lasciato con un sussulto e non pochi improperi all'indirizzo dell'autore!
Sono trascorsi una manciata di mesi e Carlo Alberto fa i conti con una vita rivoluzionata da una serie di interventi chirurgici, una dipendenza da Fentanyl e un costante e fastidioso fischio che gli perfora l'udito.
Costretto a destreggiarsi tra una faticosa terapia riabilitativa, la mancanza dal lavoro causa malattia e i picchi ormonali dell'ormai sedicenne Donata, Marchi pare un leone in gabbia; un leone per il quale, però, il destino ha in serbo un ritorno al passato e al dolore per una perdita importante.

Che nulla sarebbe mai più stato come prima, lo avevamo capito già all'ultima riga del (maledetto) romanzo precedente. Quello che scopriremo tra queste pagine, invece, è un Marchi diverso: più sarcastico, ma anche più arrabbiato e sicuramente non pronto a fare i conti coi fantasmi del passato e con domande che rischiano di non trovare mai risposta.

So di poter sembrare ripetitiva quando, ad ogni romanzo di Paoli, dico che si tratta del suo libro più bello, ma io non saprei quale altro aggettivo usare per le storie che quest'uomo ci regala di anno in anno.
E se anche questa volta godiamo di un giallo mirabile che ci riporterà a un passato sanguinolento che ha visto protagonista il nostro Paese, la chicca di questa storia sta proprio nel suo protagonista, quel Carlo Alberto Marchi giornalista (e non "giornalaio" come tanti suoi colleghi) che, suo malgrado, si vedrà coinvolto in una sequela di omicidi, apparentemente scollegati tra loro, che stanno turbando una sonnolenta, novembrina Firenze. 
Un diritto di sangue. Il diritto era mio, il sangue era quello di mio padre.
Mai prima d'ora Carlo Alberto è stato così tanto perno portante dei romanzi che lo hanno visto protagonista; in questo nuovo volume pare quasi che l'autore abbia voluto omaggiare colui che lo ha trasformato da "semplice" giornalista in amato scrittore di noir.
E se il talento di Gigi Paoli ci è familiare, altrettanto lo è quella sorta di alter ego romanzesco che, da ormai sei anni, accompagna noi lettori alla scoperta di una Firenze non turistica, ma anche tra i corridoi di quel palazzo di giustizia che per tutti è familiarmente Gotham City e nelle stanze di un quotidiano, Il Nuovo, nelle quali l'assenza di Marchi e dell'Artista, suo compagno anche in questa avventura, non è contemplata.
E, infatti, stampella alla mano e Fentanyl in saccoccia, Marchi gira, vaga, fa domande, racconta, scopre, soffre, piange.

Allo stesso modo, guidati dalla penna sublime di Paoli, noi lettori attraverseremo Firenze a bordo di una Mini e cercheremo di rimettere a posto i tasselli di uno scombinato puzzle.
Giungeremo alla fine di questa storia con poche certezze (io, di sicuro, ho capito che la matematica è un'opinione e che 4+4=9!) e la sensazione che, se quel puzzle non è proprio stato ricomposto, lo è invece la vita di Carlo Alberto.
Diritto di sangue sembra mettere un punto, una sana toppa a ogni spiffero.

Dobbiamo prepararci a salutare l'amato giornalista? Non vorrei apparire minacciosa (e anche un po' pazza!), ma spero Paoli si ricordi che so dove trovarlo! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo