Diario di Bordo - Ma quanto leggi? Ma quanto rosichi?



Puntuale come il Natale, alla fine (o appena a ridosso dell'inizio) di ogni anno, impera, soprattutto in quel merDaviglioso mondo che è Instagram la "polemica" sul numero di libri letti durante i 365 giorni appena trascorsi.
Fioccano bilanci, resoconti, liste, numeri su numeri che, diciamolo, al di là che si sia appassionati o meno di matematica, creano non poco scompiglio.
Ed è proprio in quel momento che il suddetto merDaviglioso mondo si divide in due categorie: chi storce il muso davanti a certe cifre e chi, millantando quelle cifre, dà agli altri dei rosiconi.
E allora, vediamo di fare un po' di chiarezza in tutto questo marasma di numeri, mugugni, rivendicazioni e accuse!

Iniziamo innanzitutto col dire qual è la mia posizione, così, a scanso di equivoci! Conto quanti libri leggo in un anno? Sì, perché sono maniacale (o psicopatica, come dice la Bacci) e vivo compilando liste, quindi vi pare che io non ne faccia una dei libri letti? Per chi mi avete presa?!
Stabilisco quanti libri vorrei leggere in un anno? Di nuovo sì! È tradizione che il 1° gennaio io acceda a GoodReads (nonostante ormai mi stia sulle ciapet!) e imposti una soglia da raggiungere entro il 31 dicembre.
E se non raggiungo quella cifra? Vivo serena! E se la supero? Vivo altrettanto serena, ma uso questa cosa come scusa per sfornare un dolce!
E qual è la cifra di libri libridinosi? Oscilla, solitamente, tra i 70 e gli 80 (perché io non sono cretina come l'amica mia bassa!); ho avuto anni in cui ne ho letti 100 e anni in cui non ho raggiunto i 50, ma, pensate un po', sono ancora  qui tra voi, viva, vegeta e rompiballe!

Ma sapete qual è un'altra cosa che faccio nei primi giorni dell'anno, sempre su GoodReads? Sbirciare i traguardi impostati dai miei "amici di social" e fare pulizia: sopra i 100 e sotto i 10 vi elimino come la polvere dai mobili... swiff swiff e ciao core!
E perché? Perché sono stron... ehm... perché siete poco credibili! Spiegatemi quale sia il senso di impostare un traguardo inferiore a un libro al mese. Dai, su! Tu, tuuuuuu che quest'anno hai impostato tre-libri-tre, dimmi: quale turbe ti affliggono?
Ma, soprattutto, tu signorina-io-leggo-pure-mentre-dormo, come pensi che io possa credere ai tuoi 250 libri letti?
E qua parte la crociata della distinzione, meglio conosciuta come "voi aveeeeete dei pregiudiiiiiiizi e ci giudicaaaaaate".
Sì, ok?! Non vi giudico, mica sono Santi Licheri, ma faccio una netta distinzione tra chi si ciba di soli romance (in tutte le loro sfumature e derivazioni) e chi, invece, naviga tra letture di un livello un attimino più alto. E capiamoci, non intendo dire che tutti debbano leggere Tolkien o Dostoevskij; semplicemente credo che leggere certi libri richieda un impegno mentale diverso rispetto ad altri. Che ho detto una minchiata?!

Ma torniamo al discorso centrale: perché quando qualcuno si lamenta di questi bilanci di fine anno fatti di numeri stratosferici, viene immediatamente additato come rosicone? Avete mai pensato a quale sia l'effetto collaterale di queste situazioni?
Personalmente, non ho mai rosicato per il numero di libri letti da altre persone. Sono sempre stata felice delle mie letture e sono anche una persona che tende a provare piacere a fare anche altro nella vita; ci sono giorni in cui ho voglia di leggere, ma anche giorni in cui preferisco disegnare, guardare la tv, sfornare un dolce, chiacchierare con mio figlio... La mia vita, checché se ne pensi, non ruota attorno ai libri!
Secondo punto: quando dite di aver letto più di 200 libri in un anno, esattamente cosa vi aspettate? Un applauso? Un premio? Io credo che l'unica cosa che otteniate sia che noi, brutte persone malpensanti, andremo a sbirciare quali siano stati questi libri che vi hanno tenuto compagnia (spoiler: in tempi di social e internet, lasciate traccia di tutto ciò che leggete!).
E zac! O ci ritroviamo davanti liste fatte di manga e fumetti vari, volumetti di 30 pagine (è più lungo il bugiardino di certi farmaci, credetemi!) e storie in cui Tizio tromba Caio e Sempronio li guarda per poi invertire i personaggi e rimanere fermi sempre sulla stessa storia. Oppure vediamo elenchi fatti di saggi, classici e tomi di 1000 pagine... e allora pure io, che notoriamente in matematica sono capace come la Bacci è in grado di morire, faccio due conti e mi rendo conto che avreste dovuto leggere un libro ogni giorno e mezzo.
E allora, visto che stiamo qua a chiacchierare, ditemi: dormite? Mangiate? Cucinate? Pulite casa? Lavorate? Avete un marito, un figlio, un cane, un gatto, un criceto? Trombate ogni tanto o vi siete votate all'ascetismo?
Perché, vedete, il punto è tutto lì, in quel numeretto: UN.LIBRO.OGNI.GIORNO.E.MEZZO. 
Se in quest'angolo ci bazzicate da un po' saprete benissimo che la sottoscritta fa la casalinga (orrore!), che Figlio ha 17 anni (quasi 18), quindi tende a una certa abbondante autonomia, che Consorte, insomma, o non c'è o quando c'è è parecchio collaborativo. Eppure... eppure io, che di norma leggo tanto, che sono anche abbastanza veloce nella lettura, manco se smettessi di fare cacca e pipì riuscire a leggere un libro ogni giorno e mezzo!

Ma il lato peggiore di tutto questo, sapete qual è? Sono tutte quelle persone che davanti ai vostri post o alle vostre storie, si ritirano in sé stesse, si sentono sbagliate, pensano di non essere lettrici degne di tale appellativo.
Ricevo messaggi di ragazze che mi dicono di essere sbarcate su Instagram alla ricerca di altri lettori con cui confrontarsi e di essere, proprio a causa dei vostri post e del vostro far apparire la lettura come una gara, scappate via a gambe levate; alcune di loro sono incappate in un blocco del lettore dal quale non sono più riuscite a riemergere.

Ed è a voi, lettrici da record, che rivolgo la mia domanda: siete felici? Avete ottenuto ciò che volevate? Chiamiamo Mattarella e vi proponiamo alla nomina di Cavalieri del Lavoro?
Perché no, io felice non lo sono affatto, anzi... Io sono felice quando una persona mi dice di aver scoperto un bel libro grazie a una mia recensione, quando mi dice che le parole che ho usato per scriverne le sono arrivate dritte al cuore e l'hanno fatta correre in libreria (o su Amazon, che è pure più veloce!).
Sono felice quando ricevo messaggi in cui mi si chiede di ricominciare a parlare di libri nei reel o nelle storie, perché il mio entusiasmo, la mia rabbia, la delusione, il fervore e tutti i sentimenti provati durante la lettura vengono a galla con la mia voce e le mie parole!

E per quanto riguarda voi, care Cavaliere della Lettura, mi spiace ma no, non siamo rosicone, non diventiamo verdi d'invidia (io verde ci sono perché sono il Grinch, l'invidia non mi appartiene!) davanti ai vostri numeroni a fine anno. Semplicemente, ci chiediamo quale sia il vero motivo per cui leggiate e cosa vi rimanga di tutto ciò che è passato davanti ai vostri occhi.

Ma in fondo, se voi siete felici così (sic!) chi siamo noi per dirvi che dovreste riflettere un po' prima di sbandierare certi numeri (e, soprattutto, vantarvi di certe letture)?




10 comments:

  1. ciao Libridinosa, ma allora secondo te qual è il numero 'corretto' di libri da leggere in un anno? Ammesso ce ne sia uno. Io mi attesto tra i 20 /25 . Premesso che sono abbastanza soddisfatta del numero, posso ritenermi una lettrice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non credo esista un numero corretto per poter definire lettore una persona. Se ci basiamo sui dati Istat, i lettori forti sono coloro che leggono 12 libri all'anno (in media un libro al mese). Secondo me, ciò che è davvero sbagliata è la pressione che certe persone instillano in chi vorrebbe solo leggere in pace!

      Elimina
  2. Grazie, grazie, grazie e potrei scriverlo cento volte! La mia vita "lavorativa" è in casa come la tua, forse un po' più impegnata perché sono nonna di 7 nipoti , leggo per passione, perché senza non posso stare, ma amo fare altre cose e anche se non sono una ragazza giovane mi viene l'ansia a vedere certi numeri... La lettura è libertà, godiamocela senza vincoli e ansie da prestazione!

    RispondiElimina
  3. Anch'io come Giorgia fra i 20 e i 25 libri all'anno, a volte 30, ma con 2 figli adolescenti, 1 cane, 1 marito (non in ordine di importanza e impegno, anche se può sembrarlo 😂) e soprattutto un lavoro a full time sono più che soddisfatta! Se un libro mi piace particolarmente inoltre una lettura calma me lo fa godere di più. Chissenefrega dei grandi numeri! Qualità, non quantità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rispetto a te ho il problema inverso: se mi "trascino" un libro per troppo tempo, inizio a detestarlo!

      Elimina
  4. Assolutamente d’accordo. Un libro va vissuto parallelamente alla vita vera, con la stessa gioia, attenzione e intensità. 1 libro ogni giorno e 1/2 è come ingurgitare cibo con un imbuto senza nemmeno sapere cosa si mangia.

    RispondiElimina
  5. Leggo tra i 50 e i 100 libri l'anno, leggo di tutto dai fantasy ai romance (in quasi tutte le sfumature) , thriller. Leggo tutto quello che mi solletica la mente. Francamente non mi interessa una cippa lippa di chi legge cosa e quanto, se riescono a leggere 1 libro al giorno buon per loro, se ne leggono 1 al mese buon per loro, se ne leggono 1 all'anno buon per loro. Non siamo tutti uguali, e quello che per te è impegnativo non lo è per me e viceversa. Mettere un obiettivo di lettura alto è una sfida con se stessi, vuol dire provare gestire il proprio tempo libero in maniera diversa. Credo che volendo ci sia la possibilità di leggere di più, magari invece di guardare la tv si legge, oppure invece di stare tanto sui social si legge, oppure invece di fare o di farsi coinvolgere in polemiche sterili si legge. Come si dice "Volere è potere?" forse si forse no ma nulla impedisce di provarci. Buona lettura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che odio i commenti anonimi e solitamente li elimino, col tuo non lo faccio perché la "vena polemica" che distingue il tuo commento da quelli precedenti, ti avrebbe portata a dire che l'ho eliminato perché non accetto il confronto.
      Io sono una di quelle che ha sempre ribadito che il tempo per leggere si crea e si trova e a chi mi dice che non ha tempo, dico ciò che hai detto anche tu: meno social, meno tv, meno tante altre cose. Ma al di là di questo, la lettura non dovrebbe mai essere vissuta come un'alternativa ad altro, bensì come scelta. Io di tv ne guardo talmente poca che ogni tanto mi chiedo per quale motivo la abbia in casa; i social li uso in funzione del blog e comunque ci trascorro poco tempo. Ma questo non vuol dire che tutta la mia giornata è dedicata ai libri perché, come ho scritto nel post, mi piace fare anche altro! Sono una lettrice sbagliata? Può darsi, ma almeno non metto "pressione" a chi non legge quanto me!
      PS: hai detto di leggere di tutto (fantasy, thriller, romace...); non hai nominato la narrativa classica e contemporanea, gli storici, le biografie, i saggi. Forse l'impatto con questi generi ti farebbe rendere conto che non tutti i libri possono essere ingurgitati in una sorta di bulimia letteraria (sì, anche io riesco a essere polemica, se mi va!).

      Elimina

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

 

Social


Seguimi su FacebookSeguimi su InstagramSeguimi su InstagramShop Amazon

Sul mio comodino

Comodino Libridinoso


goodreads.com

©La Libridinosa 2013. Powered by Blogger.

Visualizzazioni totali

Archivio blog

GoodReads Challenge

2023 Reading Challenge

2023 Reading Challenge
La Libridinosa has read 0 books toward her goal of 70 books.
hide