Recensione 'I fiori non hanno paura del temporale'
di Bianca Rita Cataldi - Harper Collins


I FIORI NON HANNO PAURA DEL TEMPORALE || Bianca Rita Cataldi || Harper Collins ||
22 febbraio 2018 || 280 pagine


Bologna 1997. La stanza è in penombra e i libri e le musicassette sono sparsi dappertutto. Distesa sul letto, la camicia a quadri e i Nirvana sparati nelle orecchie dal walkman, Corinna muove i piedi a tempo e non stacca il naso dalla pagina. Ha sedici anni, i capelli rossi come fili di rame e un viso ricoperto di lentiggini su cui spiccano due occhi d'acciaio. È la figlia del primo grande amore di sua madre che se ne è andato poco prima del parto. Serena, detta Poochie, ha sette anni, i capelli scuri stretti in due codini fermati da elastici a forma di arcobaleno ed è la sua sorellastra. Il suo desiderio più grande è farsi considerare da quella sorella maggiore così misteriosa, sempre rintanata dietro le pagine di un libro e con le cuffie calcate sulla testa. Vivono in una grande e caotica tribù allargata in cui vige il matriarcato e dove per ogni decisione ci si rivolge al consesso delle antenate riunite nella cappella di famiglia al cimitero. Una famiglia fatta di donne dal sangue cocciuto e in cui nessuna tristezza può resistere di fronte al sapore magico di un tiramisù al pistacchio. Eppure l'equilibrio familiare comincia a vacillare quando Corinna riceve una strana scatola da scarpe chiusa malamente con del nastro adesivo. Dentro ci sono degli oggetti apparentemente scollegati tra loro, ma che sono l'ultimo regalo del suo vero padre, scomparso improvvisamente in un incidente. Corinna non ha dubbi: quegli oggetti hanno un significato e lei deve scoprirlo. Decide così di partire, insieme a Serena, per una caccia al tesoro per le vie di Bologna. La scatola in borsa e un sogno tra i capelli ribelli: trovare il segreto delle sue radici e, inevitabilmente, la propria strada nel mondo.

Vi presento Corinna, mia sorella.
Questo libro si conclude così, ma potrebbe anche iniziare così perché Corinna sarà quella cartina sgualcita che nessuno di noi è mai stato capace di ripiegare e che ci condurrà in questo breve viaggio alla ricerca di sé stessa.
A reggere quella cartina e cercare di decifrare l'intrico di strade e sentimenti, sarà Serena, sette anni di vivacità e due codini tenuti su da degli elastici con gli arcobaleni di plastica!

Serena e Corinna sono sorelle... o sorellastre, come quelle di Cenerentola! Hanno la stessa madre, ma padri diversi; solo che quello di Corinna, di padre, non si è mai visto, fuggito prima ancora che lei nascesse.
E allora in questa storia ci ritroviamo in mezzo a tante donne: c'è la nonna, con le otto sorelle ormai tutte morte e riunite in un'unica cappella, dentro la quale troviamo un tavolino e una teiera con del tè al mirtillo, così che le zie possano spettegolare in pace!
C'è Bruna, la madre di Serena e Corinna, che a sedici anni ha messo al mondo quella figlia dai capelli rosso fuoco e dagli occhi d'acciaio, così diversa da quella famiglia dove i capelli neri e la carnagione olivastra dominano incontrastati.
E poi c'è Donna Marzia, che nella vita di Bruna ci è entrata perché la famiglia sono le persone che ci scegliamo durante il cammino e non sempre quelle che la vita ci affibbia!

Assieme a questo groviglio di cuori e parole percorreremo le strade di Bologna, cuffie in testa e sguardo basso, alla ricerca di un padre che non c'è più.
E intanto, Serena si vedrà catapultata improvvisamente in quel mondo di adulti così strani e così difficili da comprendere.

In una storia che intreccia delicatamente dolore e amore, amicizia e solitudine, affetto e perdita, Bianca Rita Cataldi compone un bouquet fatto dei colori tenui della primavera appena iniziata e dei profumi dei campi dopo un temporale improvviso una torrida giornata estiva.
I personaggi si muovono tra le pagine come in una coreografia ben studiata, incastrandosi l'uno all'altro con precisione e dando vita a una storia che entra in punta di piedi nell'animo del lettore.
Gli sbalzi temporali sono gestiti magistralmente e la narrazione non incappa mai in alcun calo di tono.

Si riconosce, tra queste pagine, la superba scrittura di Cataldi, forse a tratti un po' acerba in questo approccio alla narrativa familiare, ma sicuramente già pronta a spiccare quel volo che l'ha portata a dar vita alle famiglie Fiorenza e Gentile.

I fiori non hanno paura del temporale è un romanzo che racconta l'interiorità dei sentimenti, la diversità che contraddistingue un gruppo di donne nonostante il legame di sangue che le lega.
Se Bruna fa da sfondo alle due figlie, sono proprio queste ultime a rammentarci che ovunque ci troviamo nel mondo, nonostante gli anni e i silenzi, un dolore condiviso sarà un eterno legame tra due persone.
I luoghi, gli oggetti che incontriamo nel corso della nostra esistenza fanno parte di un piano più grande, che non ci è dato conoscere.
Una scatola di scarpe, la ricetta di un tiramisù al pistacchio, una cassetta musicale, una Bic... piccoli oggetti apparentemente insignificanti che, come un'ape sul tasto di una Olivetti lettera 22, daranno vita a una storia che fa leva sul cuore del lettore, senza per questo affidarsi alla retorica dei buoni sentimenti e del lieto fine a tutti i costi!
 


La Libridinosa

Cosa fai nella vita? Leggo!

Nessun commento:

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^