Diario di Bordo - Due chiacchiere su maggio

 ... e su alcuni cambiamenti!



C'era una volta un luogo infausto chiamato Instagram (c'è ancora, eh, ma non è più quello di qualche anno fa), nel quale proliferavano foto di libri debitamente studiate, tazze ricolme di cappuccini, cioccolate con panna o tè con fettine di limone e biscotti al burro a far loro compagnia.
Set venivano allestiti a ridosso delle finestre di casa, torte profumate erano tirate fuori da forni che lavoravano senza sosta, osservate da lontano e con desiderio da mariti e figli ai quali era rigorosamente vietato cibarsi finché le suddette foto non venivano scattate, editate e approvate dal circuito di amiche fidate!
Questo luogo era, altresì, coacervo di polemiche, frecciatine, litigate epocali, blocchi selvaggi e rivalità che Montecchi e Capuleti, in confronto, erano dilettanti allo sbaraglio!

Eletto a sostituto dei blog (tiè! Stiamo ancora qua!), affossato, almeno in parte, dall'avvento di TikTok, Instagram, negli ultimi anni, si è trasformato malamente: da una parte l'età media degli utenti si è alzata, con conseguenti commenti carichi di odio ad ogni post (praticamente Facebook ma di un colore diverso!), dall'altra sono sempre meno le persone che postano e sempre più quelle che sponsorizzano!
Da parecchi mesi ormai tutti si lamentano della scarsa copertura (confermo), dei pochi commenti (confermo) e delle quasi inesistenti interazioni (confermo).
E quindi?

E quindi, un po' per questo motivo, un po' perché sono davvero tanti tanti anni che mi affanno appresso a scadenze, set allestiti, luce giusta da trovare, libri da leggere per stare sul pezzo e quant'altro, io ho deciso di dire basta!
No, che avete capito? (Bacci, hai visto anche tu qualcuno che stappava lo spumante?!) Il mio basta è rivolto alla gara continua nata assieme al social viola! Pertanto ci sarà qualche cambiamento, che chi di voi mi segue con costanza avrà già notato: innanzitutto, le foto saranno meno, non spariranno del tutto, ma scatterò quando avrò davvero voglia di farlo (non è questo il momento!) o quando avrò tra le mani un libro che mi tirerà fuori l'ispirazione.
Allo stesso modo, non vi parlerò più di tutto ciò che leggo o almeno non con una recensione dedicata ad ogni libro. Come potete immaginare (potete, vero?!), ci sono libri che in noi lettori lasciano poco o nulla e sono libri di cui è davvero difficile parlare! Pertanto, da adesso troverete recensioni di quei libri che suscitano in me l'esigenza assoluta di sedermi davanti a questo schermo e scrivere i miei pensieri, quei libri che, come dico da anni, si recensiscono quasi da soli mentre li si sta leggendo!
Per tutti gli altri, giusto per lasciarne una traccia e per (spero!) continuare a esservi utile, troverete un breve pensiero in un post di riepilogo mensile!

Spero che, nonostante tutto, rimangano in voi la voglia e il piacere di passare a dare un'occhiata a queste stanze che per tanti anni vi hanno accolti con una di quelle tazze di tè che finivano in foto!


Uno dei cambiamenti più grandi che queste decisioni hanno portato nella mia vita è stato il ritorno alla lettura digitale. Eh già, vorrai mai fotografare un tristissimo e-reader? Giammai, poi chi le avrebbe sopportare le lamentele delle Case Editrici? E l'algoritmo che ti affossava con tanto di coccodrilli affamati in attesa? 
Ma volete mettere la comodità di un e-reader quando ci si ritrova a leggere a letto? Piccolo, leggero (provate voi a riprendervi quando vi cade in faccia Il conte di Montecristo!) e con tanto di luce integrata; aggiungiamo pure che il nuovo Kobo è a colori e la festa è servita, grazie soprattutto alla complicità di tre cretine che lo hanno fatto giungere tra le mie mani per festeggiare (con largo anticipo) il mio prossimo compleanno!

Questo quinto mese dell'anno si è rivelato particolarmente proficuo, numericamente parlando, in termini di libri; non altrettanto, purtroppo, in quanto a piacere provato con alcune letture!
Ho iniziato maggio leggendo l'ultimo romanzo di Paul Auster, "Baumgartner", proprio nel giorno in cui lui ci lasciava. Una storia che rispecchia perfettamente lo stile dell'autore americano e che ha il suo punto di forza nel personaggio che dà il titolo al romanzo. Baumgartner, vedovo solitario e maniacalmente distratto, accompagna il lettore in un viaggio tra il suo presente e il suo futuro; un romanzo piacevole, anche se un po' declinante nella seconda parte!

Altra lettura di cui non avete trovato traccia, ma che è stata una piacevolissima compagnia per un paio d'ore di un piovoso pomeriggio, è "Pennablù", racconto lungo di Lorenzo Marone il cui protagonista è un pappagallo di proprietà di un boss della camorra. Tra le sue poche pagine ho ritrovato quell'ironia sempre un po' malinconica che contraddistingueva i primi romanzo del mio amato autore partenopeo!

Terzo libro passato sotto silenzio è stato "Cuore nascosto", ultimo lavoro di Ferzan Ozpetek di cui, a essere del tutto sincera, molto poco mi è rimasto, tanto da non riuscire a scriverne neanche poche ore dopo averne terminato la lettura. Un vero dispiacere per un autore che, invece, col suo romanzo precedente, mi aveva conquistata.

Maggio ha visto anche un abbandono: "Mr and Mrs American pie" di Juliet McDaniel. Preso in biblioteca con poca fiducia (e molta ragione!), dopo le prime, divertenti, 100 pagine, ha imboccato un tunnel di sconsideratezza che mi ha fatta desistere dal proseguire una lettura che era diventata più una tortura che un piacere! Riconsegnato alla mia bibliotecaria senza alcun dolore e con la gioia di aver risparmiato qualche euro!

Ma ci sono state anche letture di cui vi ho parlato e altre di cui vi parlerò a breve: la mezza delusione de L'ultimo mago di Francesca Diotallevi, la totale delusione de L'amore non lo vede nessuno di Giovanni Grasso, che trovate già qui.
A breve (spero!) vi parlerò de "La principessa di Lampedusa" di Ruggero Cappuccio e di "Tutta la vita che resta" di Roberta Recchia, ma anche di "Carrie" di Stephen King, la cui recensione giace tra le pagine di un quaderno!

Per maggio è tutto, ci rileggiamo a giugno, cari lettori!

La Libridinosa

Cosa fai nella vita? Leggo!

Nessun commento:

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^