Passa ai contenuti principali

Recensione IN ANTEPRIMA 'Un albero al contrario' di Elisa Luvarà - Rizzoli

Un gruppo di ragazzini un po’ folli, dolcissimi e intensamente umani. E la loro vita in una casa molto speciale. Quando varca la soglia della comunità, Ginevra ha solo due grossi sacchi neri. Dentro c’è tutta la sua vita di undicenne: giocattoli, vestiti e quaderni accumulati in anni passati tra istituti e famiglie affidatarie, in cerca di un posto da chiamare “casa”. Adesso non sa cosa aspettarsi: e se i bambini e gli educatori fossero cattivi come li immagina nei suoi incubi? O, peggio, se la mandassero via ancora una volta? Per fortuna, quel mondo bizzarro è pronto a stupirla: c’è la signora Tilde, che le prepara grandi tazze di cioccolata calda; c’è Verde, la compagna di stanza, chiamata così perché ha i capelli tinti di color asparago; c’è Bao Kim che non sa parlare bene, ma ha sempre voglia di ridere e giocare. E poi c’è Agape, bello come una creatura marina, che le stringe la mano ogni volta che ne ha bisogno, facendole provare qualcosa di nuovo e speciale. Con loro Ginevra sente di non essere sola: in comunità tutti hanno storie dure alle spalle, ma insieme si fanno coraggio, e quando si ritrovano intorno al tavolo sanno che è a questo, in fondo, che serve una famiglia. Un romanzo toccante e vitale, che insegna a sperare e a non lasciarsi abbattere. Perché anche senza radici si può trovare la forza per crescere.


Titolo: Un albero al contrario
Autore: Elisa Luvarà
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 16 marzo 2017
Pagine: 322

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile:  4 


Ho letto questo libro volgendo spesso lo sguardo verso mio figlio, un ragazzino di dodici anni appena compiuti, un soffio più grande di Ginevra, la protagonista di questa storia.
Il mio primo abbraccio degno di questo nome era arrivato solo ora, ora che avevo 11 anni.
Ho guardato mio figlio, la sua camera incasinata, le sue giornate scanzonate, le partite a pallone con gli amici e ho visto la serenità di un ragazzino cresciuto in una famiglia normale. 
E, nel frattempo, ho visto la vita di Ginevra scorrere, pagina dopo pagina, attraverso le parole di Elisa Luvarà e vi ho scorto il dolore, la solitudine, la paura
Il tipo di dolore che stavo vivendo veniva riconosciuto dagli altri bambini come un richiamo
Ho visto Ginevra attraversare la porta di una comunità in cui troverà, assieme alla signora Tilde, un gruppo di ragazzini pieni di dolore e solitudine, proprio come lei.

C'è stato solo un particolare che mi ha disturbata durante la lettura: spesso le emozioni, gli atteggiamenti, le reazioni e le parole di Ginevra mi sono parsi troppo da adulta. I sentimenti che Ginevra manifesta nei confronti di Agape, uno dei suoi compagni, mi sono parsi davvero eccessivi se rapportati ad una bambina di quell'età. 
Ho provato davvero a cercare di rapportarmi con lei, a ripetermi che situazioni strazianti come la sua fanno crescere più in fretta. Ma spesso le parole e i sentimenti mi sono sembrati davvero esagerati se messi in bocca ad una bambina di undici anni appena.

Nonostante ciò, la storia è così delicata e commovente, la scrittura di Elisa così leggera, scorrevole e matura, che non si potrà fare a meno di amare questo romanzo, di coccolare Ginevra, Agape e tutti i loro compagni, di aver voglia di rifugiarsi tra le braccia della signora Tilde e mangiare le meringhe con lei! 

Commenti

  1. Un libro che vola dritto dritto nella lista dei libri da leggere! :)
    L'unico problema è che ho bisogno di più tempo!

    RispondiElimina
  2. Io ho deciso che devo ridurre drasticamente le ore di sonno per dare più spazio alla lettura...iiiiiin liiista! Anche questo

    RispondiElimina
  3. Ti dico la verità, questa volta non sono proprio convinta...Magari aspetto eh! :)

    RispondiElimina
  4. io quando si parla di ragazzini dell'età delle mie figlie vado in crisi sul serio. non so mai se sarò capace di affrontarne la lettura. anche io come anna credo di aspettare un po'.

    RispondiElimina
  5. Molto bella questa storia! Aggiunta alla lista dei desideri :)

    RispondiElimina
  6. Un'altra storia che sembra toccare profondamente

    RispondiElimina
  7. Bellissima recensione, Laura. Me l'ero persa nei viavai.
    Metto in lista. :)

    RispondiElimina
  8. Un libro intriso di dolore e di follia,di poesia e miseria,di forza e di debolezza,di tragedia e comicita', di tanta tenerezza e amore,quello vero che a volte ferisce ma ti rende vivo e libero.Un libro bellissimo scritto con una delicatezza capace di rendere meno pesanti anche le situazioni piu' tragiche.Brava Elisa

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'Il vento dell'Etna' di Anna Chisari - Garzanti

IL VENTO DELL'ETNA   || Anna Chisari || Garzanti || 28 giugno 2022 || 250 pagine https://amzn.to/3nylrcG   1838. L'Etna nella sua immensità protegge e spaventa, come una madre magnifica ed esigente che forgia vite e destini. Lo sa bene chi vive a Belpasso, il piccolo paese alle sue pendici. È lì che il giovane Puddu apre la sua bottega di calzolaio. La sua firma sulle scarpe è una farfalla, perché con le sue creazioni ai piedi più che camminare si vola. Per questo Puddu non riesce a capire come mai gli affari vadano così male. Tutto cambia quando le sue calzature finiscono tra le mani della Baronessa di Bridport in visita alle sue terre a Bronte. La nobildonna non ha mai calzato nulla di tanto soffice ed elegante, perciò decide di fare un regalo a Puddu: lo nomina Baronetto. Nasce così la dinastia dei Baruneddu, come si faranno chiamare. Il negozio con gli anni diventa un grande calzaturificio che esporta in tutta Europa. Ma se i soldi non sono più un problema, il cuore cominci

Recensione 'Lezioni di chimica' di Bonnie Garmus - Rizzoli

LEZIONI DI CHIMICA || Bonnie Garmus || Rizzoli || 3 maggio 2022 || 390 pagine Acquista qui