Recensione 'La posta del cuore della señorita Leo' di Ángeles Doñate - Feltrinelli


Ogni sera, alla stessa ora, l'intero paese si ferma e si mette in ascolto davanti alla radio. Mentre nelle case si diffondono le prime note della sigla musicale, nel piccolo studio di calle Caspe, a Barcellona, cala il silenzio, una luce comincia a lampeggiare e due labbra dipinte di rosso si avvicinano al microfono per augurare la buona notte agli ascoltatori. Sono le labbra di Aurora, la presentatrice di uno dei programmi radiofonici più popolari nella Spagna degli anni settanta: "La posta della señorita Leo". Quando Aurora inizia la sua collaborazione con la radio, non può certo immaginare quanto quel lavoro le cambierà la vita. Per molte persone la señorita Leo è una vera e propria ancora di salvezza, una confidente, un'amica via etere. Persone come Germán, un rappresentante di biancheria intima che ogni sera ascolta quella voce calda e rassicurante sognando di trovare l'amore; Sole, che non ha il coraggio di affrontare il marito violento; ed Elisa, un'adolescente solitaria e tormentata. Nelle lettere che riceve, Aurora trova sogni, speranze e paure, ma quando scopre che l'emittente censura la maggior parte delle missive perché il programma deve mantenere un tono frivolo e scanzonato, decide di fare di testa propria. Dopo anni di remissiva ubbidienza e anonimato, avrà una missione nella vita: salvare le lettere della gente comune e dare voce alle storie del cuore, che meritano tutte di essere ascoltate.


Titolo: La posta del cuore della señorita Leo
Autore: Ángeles Doñate
Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione: 25 gennaio 2018
Pagine: 240

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 4 


La radio ha sempre avuto, su di me, un fascino particolare!
Se ripenso alla mia infanzia, al tragitto casa-scuola in auto con mio padre o ai ben più lunghi viaggi che ci trasmigravano dalla Sicilia in quel di Firenze, tutto è ammantato dal suono incessante delle trasmissioni radiofoniche!

Nata in un'epoca in cui le prime TV, rigorosamente in bianco e nero e con due soli canali, facevano parte dell'arredamento di quasi ogni famiglia, la radio conserva, nella mia memoria, un'importanza tutta sua. È quello strumento in grado di rompere il silenzio senza diventare mai invadente; puoi ascoltarla a tutto volume o tenerla in sottofondo, puoi accenderla a qualunque ora del giorno e della notte e troverai sempre qualcosa di interessante a farti compagnia! La cosa che più me la fa amare è il non doverle necessariamente prestare attenzione: non sei costretto a guardare uno schermo; quando ascolti la radio puoi fare mille altre cose! 
Ed è proprio per questo, per tutto ciò che la radio ha rappresentato nella mia vita, che, sia in casa che in auto, non riesco mai a fare a meno della sua compagnia! 

Ed ecco che questo piccolo libro mi ha fatto fare un salto indietro nel tempo, portandomi agli anni della mia infanzia. Siamo a Barcellona e la señorita Leo, con la sua voce amichevole e dolce, ogni sera entra nelle case degli spagnoli, dispensando consigli a tutte quelle donne che le scrivono.
La cosa più stupefacente è il modo in cui l'autrice sia riuscito a creare, in così poche pagine, un gioco di incastri tra tutti i personaggi. Ognuno, all'inizio della narrazione, pare avere una storia a sé. Andando avanti, invece, vedremo ogni vita intrecciarsi alle altre, con la señorita Leo a fare da fulcro ad amori adolescenziali, batticuori improvvisi di un quarantenne intento ad ascoltare la sua voce per radio nelle calde sere di agosto!
Così ci ritroveremo a seguire non solo le vicende radiofoniche della señorita, ma anche quelle di Gérmano che la corteggia assiduamente e quelle di Elisa e Toño, che nel loro amore appena sbocciato troveranno la forza per superare un dolore che li affligge.

È una storia semplice, tenera, dolce e pulita, quella che Ángeles Doñate ci racconta. una storia fatta di personaggi che paiono quasi dei vicini di casa e che, con la loro quotidianità, i sorrisi, le lacrime, i dolori e la forza, cercano un riscatto e ci fanno battere il cuore.

Ognuna di noi potrebbe essere la señorita Leo o, perché no?, averle scritto una lettera per parlarle di quel ragazzo che ci fa battere il cuore o di quell'uomo che ci dorme accanto e di cui abbiamo paura.

Avevo notato questo libro per via della sua copertina così colorata e, guidata dall'istinto, ho scoperto una piccola storia che mi ha fatto battere il cuore e regalato più di un tenero sorriso!


Commenti

  1. Buongiorno Laura! La copertina di questo romanzo ha rapito anche me ma ero in dubbio sulla trama... ora non più! Buona giornata cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non mi resta che aspettare il tuo parere ;)

      Elimina
  2. questo febbraio sarà un incubo. tantissimi libri che voglio e che avrò. quando hai segnalato su goodreads che stavi per leggerlo mi ero già appuntata il titolo, adesso ho la certezza di volerne una copia che sia solo mia.
    hai scritto una recensione stupenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie <3 Confesso che questo libro ha stupito anche me!

      Elimina
  3. L'avevo depennato pensando fosse una stupidaggine, ma la tua recensione mi ci sta facendo ripensare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmhhh... non so quanto potrebbe piacerti, sai? Magari dagli una chance, ma non investirci esageratamente

      Elimina
  4. Risposte
    1. Ecco, a te piacerebbe tantissimo, ma proprio tanto!

      Elimina
  5. Bella la recensione, la copertina con il mio fiore preferito è i commenti delle lettrici: lo prendo!

    RispondiElimina

Posta un commento