Passa ai contenuti principali

La Chiacchiera - Rocco Schiavone gaaaaaa...


LL: gaaaaaaa

E: eh che schifo!!!! Asciuga per terra, prendi il mocio… STEFANOOOOO PRENDI IL MOCIO CHE MAMMA PERDE ACQUA!!!!!

LL: io a te t’uccido con l’olio del motore, giuro!

E: ecco come ti vengono bene i pancake, grazie ar cazzo (e mi sembra termine appropriato vista la chiacchiera…)

LL: sei righe e abbiamo già degenerato. Spiega di che parliamo, cretina!

E: Record!!! Abbiamo vinto quacchecossa?? No? Peccato! Ma come di cosa parliamo??? Ma guarda che po pò di titolo che ci siamo inventate!!

LL: la neuro abbiamo vinto, fidati! Se non ci finiamo questa volta, siamo libere per la vita. Vabbè, spiego io? Che i tuoi titoli son sempre fonte di garanzia (della minchia!). Parliamo di Antonio Manzini e Rocco Schiavone gaaaaaaaaa

E: aaahhh la Manzitudine fatta e finita!!! Già sento gli ormoni delle nostre lettrici!! (Bacci a cuccia!!!)

LL: io devo ancora capire se la Bacci ha le vampate per la menopausa incipiente o per Giallini. Porello, gli ha pure sbavato in testa quando eravamo a Mantova. 

E: beh, tu hai mostrato le gemelle a Manzini… ci credo che poi era un po’ confuso su cosa scrivermi sul libro…

LL: E che ti ha scritto quel sant’uomo? Dillo al mondo, Letizia!

E: minchia che rottura di coglioni che sei!! Almeno un ottavo livello buono buono, se ti impegni arrivi al 9° eh…. anzi fai doppietta perché ci sarà pure un omicidio sul groppone!

LL: tranquilla, io ambisco al decimo livello. Tu lo sai, vero, che chi non legge Manzini (che gente dimmmmmerda!) non sta capendo una beata minchia?

E: e cazzi loro!! Gente gnuranta!! Dai, cerchiamo di dare un senso a questa storia (cit. altissssima, come me). Abbiamo deciso di fare una chiacchiera sul Manzo perché tanto alla fine in tutte le nostre chiacchiere lo citiamo, quindi… cavalchiamo l’onda donna! Anzi ancora non lo abbiamo salutato. Giorno Manzo! Su saluta, sii educata!

LL: buongiorno dottor Manzo (buongiorno pure al Maresciallo che ci ascolta sempre!). Senti Levissima e Purissima, tu lo so io cosa vuoi cavalcare! Dottoressa Manzooooooooo…

LAURAAAAAAAAAAAAAAA

E: ma non si dicono certe cose!!! Comunque, cosa pensiamo noi di Manzini, avanti…

LL: che fa dediche bellissime!

E: 9 livello, decisamente 9 livello…

LL: tu invece a che livello ti piazzi? 

E: no io sono nel livello della partecipazione ai matrimoni: una cosa inutilmente dolorosa e che te le fa girare alla grande. Si, io sono una rottura di palle!! Aahh la consapevolezza!

LL: ma chi? Tu? Ma noooo, stella! Sei uno zucchero di persona (scassaminchia che più scassaminchia non si può!). Dunque, facciamo le serie (non ridere, cretina!): tu che sei laureata in morti, spiega al mondo cosa sono i livelli di rottura di coglioni

E: ma come? Non lo sanno??? E noi vogliamo avere a che fare con certa gente???? Siamo sicure? Va beh… non sono molto convinta eh… il caro vicequestore (che no, Lallì, non è carabiniere, è poliziotto…(LL: sicura sei?) io non dimentico) divide le rotture di coglioni in livelli, dal sesto al decimo. Al decimo c’è l’omicidio sul groppone ( e a questo punto pure Lallì, ti ho promosso).

LL: i cretini stanno al nono livello. Ci stai vicina pure tu al decimo, stella! Comunque, se non si fosse capito, qui si ha immensa stima e tanto amore per Rocco Schiavone. DILLO, DEMENTE CHE NOI LO AMIAMO!

E: MI MANCAAAAAAA!!!!!!! Io sto qui che aggiorno Amazon ogni 3 secondi per vedere se esce la data del nuovo libro (Gennaio, dotto’ ha detto GENNAIO!! Ho lo screen dell’articolo su Il fatto quotidiano in cui lo diceva, lei lei! Non mi frega… GENNAIO!!).

LL: Lallì, che posso fare richiesta?

E: vuoi il TSO? Tranquilla ho già chiamato io. Ah non quella? Ok, dimmi…

LL: Lallì, capiamoci: se io vado a fondo, tu vieni con me. E se io finisco in TSO, ci finisci pure tu! È chiaro? (E: che lì consegna Amazon??). Ora, posso chiedere di avere libro nuovo verso fine gennaio? Tipo il 24? Così lo andiamo a comprare assieme! Ti do pure il permesso di farmi video mentre schiatto sulla scala mobile. Uh comunque, tu aggiorna Amazon che invece di metterci la data d’uscita del Manzo ci mette quella dei libri delle blogger!

E: Uh si il 24 sarebbe perfetto. SIGNOR SELLLLLERRRIIIIOOOOO (LL: che hai trovato le consonanti in offerta alla Coop?) (eh urlo, sta lontano) ABBIAMO DECISO, IL 24 GENNAIO!!!

LL: ah ma potevamo deciderlo noi? Mica me l’avevi detto! Ok, allora 24 gennaio sia. Se lo segni, eh, signor Sellerio. Che qua se si incacchia Dio son dolori seri!

E: io l’ho scritto a penna eh. Non famo come con de Giovanni che sto finendo il bianchetto (e la pazienza… ecco, usare il bianchetto sull’agenda figa è almeno un livello 8, segna Italo!).

LL: allora segno a penna pure io! Sai che pensavo, Lallì? Che a me Rocco piace perché è uno a cui ci si affeziona!

E: ah non perché è manzo manzo e fa tanto sangue?? Strana sei….Però si, ci si affeziona a Rocco. Anche agli altri personaggi eh (tranne la Stronza), ma Rocco è Rocco ( e non lo diciamo che Lallì aveva letto perché Rocco è porco, no, non lo diciamo)!

LL: a te l’hanno mai detto che chi si fa i cazzi suoi campa cent’anni in pace? No, eh?! Si vede… lo senti quell’alito gelido sul collo? È la morte che si avvicina!

E: cazzo frega me… sono Dio!

LL: a te ‘sta storia sta sfuggendo seriamente di mano! Prossimo libro che mi mandi per farti fare la dedica, faccio scrivere “A Dio Letizia Dorotea (cit. Alice Basso)”. Come al solito, abbiamo fatto due pagine di minchiate senza far capire alla gente di che cosa volevamo parlare. Sei Dio, dì qualcosa di serio e comprensibile.

E: andate e riproducetevi tutti!! Mi pare appropriato!

LL: DEMENTE!!! La Terra è sovraffolata ed è pure piena di deficienti. Ma tu lo guardi mai il Grande Fratello? Ma l’hai visto che gente c’è in giro? Lancia una legge nuova, dì che riprodursi porta la malaria, l’ebola, il colera… inventati qualche malattia nuova, cazzo!

E: uffa, era una bella scusa! Noiosa sei… Dai, una cosa costruttiva sulla serie Rocco Schiavone… Ah ecco, seconda stagione del telefilm moooooolto più bella della prima! Ma moooolto!!! E ultimo libro tanto bello, con delle piccole perle… tipo gli evidenziatori….

LL: confermo: seconda serie di un livello superiore (Italo gaaaaaaa!!!). E anche l’ultimo libro proprio bello, soprattutto la storia degli evidenziatori! E poi finalmente ci hanno tolto dalle balle la STROOOOOOOONZAAAAAABUCCCCCIAAAAAAARDADEVIMORIREAMMAZZAAAAAAAATA (che ho esagerato, Lallì?)

E: noooo, anzi, in queste poche righe non sei mai stata tanto calma e composta, una damina proprio. E poi nell’ultimo libro (tranquilla, no spoilero) abbiamo scoperto una cosa di D’Intino… che tu l’avresti mai detto???

LL: io aspetto la nuova serie tv solo per quella scena lì! Senti Lallì, che me le dici le tue rotture di coglioni?

E: uh siii, poi faccio pure io il cartellone e lo appendo fuori dalla stanza!


sesto livello: la ciocca di capelli che mi si infila tra l’occhio e la lente degli occhiali


settimo livello: il t9 dell’iPhone (LL: della Bacci, il t9 è della Bacci)


ottavo livello: il corriere che dice di aver suonato MA LO STRONZO NON HA SUONATO FIGLIOENDROCCHIACHENONSEIALTROSPEROTISIROMPAILRISCALDAMENTODELCAMIONMENTREFUORIFAMENOTRENTA! (LL: e poi sono io la damina!)


nono livello: quelle che mi chiamano Letizia. (LL: STRONZA, da oggi ti chiamo STRONZA!)


decimo livello: la gente che respira (LL: l’hai creata tu, ne vogliamo parlare? E: avrò avuto il ciclo...)

LL: vuoi le mie?

E: cetto….

LL: dunque…


sesto livello: le blogger che diventano scrittrici (E: e s’era capito)


settimo livello: lavare i piatti (sia benedetta la lavastoviglie che se si rompe lei, io mi trasferisco a casa tua!) (E: sempre sia lodataaa!! Insieme all’asciugatriceee)


ottavo livello: le Case Editrici che non rispondono alle mail e poi mandano i libri dopo 20 giorni dall’uscita e noi, nel frattempo, li abbiamo comprati (perché noi i libri li compriamo, NOI!) (E: che compro libro? Vado? Ok, vado!!).


nono livello: quelli che ti dicono che Amazon è il male. Amazon è il bene assoluto, supremo, l’amore della vita mia (dopo Merlino, eh!)


decimo livello: certa gente che (ancora) respira. Perché io sono più selettiva della Stronza quassù! (E: eh fai la selettiva, poi si intrufolano e ti fregano. Meglio essere generici in questi casi, fidati).

LL: premesso che io la Bacci la lascerei respirare ancora per un po’ (anche perché la carogna dice che se schiatta lei, schiatto pure io e io ho libri da leggere…), direi che potremmo salutare il Dottor Manzo che ci legge sempre (forse, dopo questa chiacchiera non più!). Saluti tu, Letizia?

E: vabbè ma lui sta abituato a noi! Oramai quando ci intravede si nasconde, è per questo che non riusciamo mai a beccarlo. Coooomunque, saluto io! Ciao a tutti e se non avete ancora letto Manzini…. che peste vi colga!!! Brutti che non siete altro!! Che va bene così Lallì?

LL: MEEEEEERDE… SIETE DELLE MEEEEEEEEERDE. Così va meglio, fidati!



Commenti

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo