Passa ai contenuti principali

Diario di bordo #4


dal 30 aprile al 6 maggio

Buongiorno lettori! Mentre voi siete qui a leggere (spero!) questo post io sono... boh! Non lo so dove sono, perché mio marito (che molti chiamano il Santo... chissà perché?!) ha deciso di organizzarmi una sorpresa per il nostro anniversario di matrimonio. Chi mi conosce, sa benissimo che io odio le sorprese e quel santo avrà dovuto faticare non poco per riuscire a non farsi scoprire in nessun modo. Il che vuol dire che non avrà spifferato nulla con Baba, perché io lei riesco sempre a prenderla per sfinimento.
E niente, che volete che vi dica? Dovreste aspettare e magari riuscirò a dirvi qualcosa di più in giornata, quindi tenete d'occhio la pagina Facebook!

Ma adesso veniamo, come di consueto, allo scopo primario di questa rubrica e, quindi, a ciò che è accaduto in casa Libridinosa nella settimana appena trascorsa.

Ci eravamo lasciati, venerdì 29, con un'agenda non consegnata :( Agenda che, però, sono andata a ritirare sabato.
Ma mica fila sempre tutto liscio... sarebbe troppo facile, no?! Mentre ero in libreria a Cremona, squilla il telefono ed è la scuola che mi chiama perché mio figlio sta male e devo correre a riprenderlo. Ok, corro. Corro e realizzo che l'incontro che tanto aspettavo e che avevo in programma per il pomeriggio con Enzo Gianmaria Napolillo, è appena andato in fumo. E vabbè. 

Domenica, vista anche la precaria salute del nano (appellativo che ormai mal gli si addice visto che è alto quanto Baba!), decidiamo di starcene a casa. Ci godiamo la prima partita della Juve post-vittoria del Campionato in corsa e io ne approfitto per terminare Dentro soffia il vento di Francesca Diotallevi e per rendermi conto che, nonostante la sua bravura, non è proprio una di quelle storie che rientra nelle mie corde.

Martedì, la mia indole da casalinga-disperata-maniaca-dell'ordine-e-della-pulizia ha preso il sopravvento e ho deciso di svuotare tutte le librerie della Stanza Librosa, pulirle per bene e risistemare i libri. Cosa ho capito? 
A. che i libri accumulano tantissima polvere
B. che le librerie nere fanno risaltare la polvere
C. che ho URGENTEMENTE bisogno di una libreria nuova (e che Laura e Baba tacciano!)

Mentre ero a tavola con mio figlio, sempre in spasmodica attesa del romanzo di Salvatore Basile, suona il citofono. Esulto! Corriere! Tra l'altro, corriere GRAN GNOCCO che, però, stringe tra le mani un pacchetto di Amazon? E niente... sapete quando vi dico che io ho delle lettrici meravigliose? Ecco, Anna Rita è una di queste! Tra mille ansie e pensieri (sarà in casa? Lo comprerà alle 7 del mattino, fregandomi alla grande?) è riuscita a sorprendermi e anche a farmi scappare la lacrimuccia (che Maestà se ne vanti pure quanto vuole!) facendomi arrivare, fresco fresco di stampa (praticamente, più che il corriere, ancora un po' e me lo consegnava direttamente il tipografo!), il nuovissimo romanzo di Kate Morton, "Il segreto della casa sul lago". 
Ah già, martedì è stato anche il mio anniversario di matrimonio: 15 anni che mi sveglio tutte le mattine vedendo la stessa faccia (e ne sono felice, ok, lo dico!), 16 anni di vita assieme e 34 di conoscenza assidua. Insomma, lo dico piano, ma magari riusciamo pure ad invecchiare insieme (Laura piantala di dire che sono già vecchia, perché tra un po' ti sputo!).

Il tanto bramato romanzo di Salvatore Basile, "Lo strano viaggio di un oggetto smarrito" è giunto finalmente a destinazione mercoledì pomeriggio. Ero in giardino, in panciolle, a godermi il sole, chiacchierando con Laura e aspettando che mio figlio rientrasse da scuola... e il disgraziato è rientrato... dimenticato la bici nel cortile della scuola. Stendiamo un velo, vi prego, che se non avesse la testa attaccata al collo, chissà dove la lascerebbe! 
Rientrato all'ovile con bici al seguito, suona nuovamente il citofono e questa è il corriere, anzi la corriera, che mette tra le mie esili manine il Garzanti tanto atteso! E volete che io non inizi a leggerlo subito subito? Ovviamente, iniziato e, lo ammetto, divorato!

Giovedì, chissà come mai, a me prende sempre il loop culinario. E il mio perché di questa settimana si rivolge alla nuova moda dei dolci senza cottura. La domanda è la solita: perché? Fare un dolce, a meno che non parliamo di semifreddi e tiramisù, vuol dire anche provare il piacere di impastare, cuocere, infornare. Che è sta moda dei dolci fatti con base di biscotti tritati? Ultimamente è un'invasione (quasi aliena!) di torte, crostate, tortini tutto senza che si debba neanche mettere su un pentolino o dare aria al vano del forno. No eh, io mi rifiuto!

E siamo arrivati a venerdì. Mentre vi scrivo ho i capelli avvolti in un telo perché ho appena risciacquato la tinta. Devo ancora mettere lo smalto e capire cosa indossar domani, visto che Coniuge si ostina a non volermi dare indizi. Ma tranquilli, a costo di torturarlo lo farò parlare (o almeno ci proverò!). Che, per caso, qualcuno di voi sa qualcosa? Parlate!!!!!!!!!!!!
Intanto vi dico che oggi ho terminato "Lo strano viaggio di un oggetto smarrito" e ho anche già scritto la recensione (che potrete leggere domani!). Lo so, siete impazienti, ma oggi sono particolarmente buona e vi dico che, se proprio foste in giro e capitaste davanti ad un libreria, quei 17 euro sarebbe spesi davvero bene!

Cari miei fanciulli e fanciulle, vi ringrazio per la cortese attenzione (come sono professionale oggi!) e ci si riaggiorna sabato prossimo!


Commenti

  1. Ahhh, a me Basile non è ancora arrivato, mannaggia!
    Speriamo bene, perché mi hai messo la pulce nell'orecchio, adesso. Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che in settimana arriverà! Altrimenti, ribadisco, telefoniamo al corriere ;)

      Elimina
  2. Buongiorno ovunque tu sia :)
    Mi piace troppo l'agenda! Aspetto con ansia la recensione di domani.
    Un abbraccio enorme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooh, non puoi neanche immaginare dov'ero! Ti racconto tutto in mail!

      Elimina
  3. Sono proprio curiosa di sapere dove ti ha portato Coniuge, adesso! Buon week-end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coniuge mi ha portata a Bassano del Grappa. Sorpresa bellissima, perché mi ha fatto incontrare le Due Lettrici quasi Perfette e Lorenzo Marone. Immagina come sto!

      Elimina
  4. caspita l'hai divorato! ora sono curiosissima!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
  5. Allora? Dove ti ha portato il Santo? Sorpresa piaciuta?
    Hihihihihi!!!

    RispondiElimina
  6. Non avevo commentato perchè sabato ero un po' agitata! Chissà perchè????
    Che bel regalo ti ha fatto Anna. Tu leggi che poi io, nel caso, compro.
    un saluto da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabato rimarrà nel mio cuore come una delle più belle giornate della mia vita! Grazie <3

      Elimina
  7. Hahahaah!! Che spasso!!
    Anch'io ho acquistato proprio ieri "I segreti della casa sul lago"! :)
    Tanti auguri per il tuo anniversario!!! :) :)

    RispondiElimina
  8. Ciao
    anche se in ritardo buon anniversario di matrimonio. Buona settimana.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i