Passa ai contenuti principali

Diario di bordo #5


dal 7 al 13 maggio

Sabato è stata giornata di grandi sorprese! Se vi siete persi qualcosa, potete leggere qui e qui la cronaca di una giornata perfetta!!
E penso che la foto accanto possa dirvi più di ciò che io potrei fare con le parole!
Ma c'è una chicca che ho tenuto in serbo per questo sabato... Mentre io, Lea e Stefania passeggiavamo beatamente tra le strade di Bassano, ci siamo voltate a guardare la vetrina della Stefanel. E cosa avranno mai visto i nostri vispi occhietti? Invece di abiti e scarpe, una donnina distesa su un lettino con tanto di estetista che le faceva la pulizia del viso. Sì, avete capito bene, proprio in vetrina! Mah... cose strane che accadono a Bassano del Grappa! 
Ma mica le cose strane accadono solo a Bassano! Per par condicio, Laura 2.0, girando per Cesenatico, si è imbattuta in un paio di chiappette al vento (e dice lei che non erano neanche male!). Dove erano allocate le chiappette? Nella vetrina di un tatuatore, che, ovviamente, ci stava lavorando su armato di pastelli!

Domenica è stata una di quelle giornate in cui ciondoli per casa senza far nulla. Un po' la stanchezza e un po' la nostalgia del giorno precedente, mi sembrava di essere una bolla di sapone senza destinazione alcuna!

Lunedì la mia vita da lettrice ha ripreso dei ritmi quasi normali: ho iniziato a leggere il romanzo di Jessica Brockmole, Non ti dirò mai addio.

Siamo arrivati a mercoledì. Fuori diluvia talmente tanto che Noè staziona nel mio giardino con tanto di Arca e animali al seguito; la classe di mio figlio aveva in programma una gita ad una Cascina, ma hanno dovuto desistere per evitare che qualche bambino affogasse nel tragitto, Coniuge è rientrato prima perché girare per Cremona sotto il diluvio universale non è consigliabile. Ho appena bevuto un caffè e sto per spegnere tutto e piazzarmi in poltrona a leggere quando mi salta all'occhio una recensione fresca fresca sul mio Cesare! Tra l'altro, una recensione proprio ben scritta, quindi penso proprio che vi convenga dare un'occhiata al blog di Rosa!

Siamo giunti a venerdì ed io sono preda delle frenesia pre-Salone. Ho un trolley già mezzo pieno su cui continuo ad inciampare spostandomi da una stanza all'altra della casa. Ho la pizza per il pranzo di domani che cuoce in forno (e speriamo di non bruciarla!) e ho Laura che saltella, urlandomi nelle orecchie che tra poco andrà a ritirare il libro di Alice Basso (infame sei, sorella!!!). 

Bene, se siete al Salone del Libro di Torino io sono l'appendice di Lorenzo Marone e di Alice Basso: se vedete loro in giro, ci sarò anche io!

Prima di salutarvi, vi inserisco qui gli appuntamenti di Lorenzo Marone per i giorni a venire:

Sabato 14 - Salone del Libro di Torino: 
ore 15.30 - Stand Il Libraio - Padiglione 2 - Stand K126 - L125
ore 18 - Salone del Libro - Caffè Letterario:
Un'ora con Lorenzo Marone e Fabio Genovesi

Mercoledì 18 - Foggia:
ore 18 - Libreria Ubik di Piazza Umberto Giordano, 76

E quelli di Alice Basso:

Mercoledì 18 - Cesena:
ore 18 - Librerie Coop - Centro Commerciale Lungosavio

Giovedì 19 - Osimo (AN):
ore 18.30 - Libreria Il mercante di storie - via San Francesco, 36

Venerdì 20 - Trani (BT)
ore 19.30 - Libreria Luna di sabbia - via Pagano, 193






Commenti

  1. Ahahahah, hai scelto due autori troppo simpatici per non essere stalkerati. Puoi immaginare quanto "rosico". Lo scorso anno, di questi tempi, sono stati a un centro commerciale nei dintorni, ma con l'Estiva di mezzo - prendimi alla lettera - non esco neanche di casa. A fine mazzo, c'è Basile (che mi è arrivato ieri!). Speriamo di fare un'eccezione. Buon weekend e, con un pizzico di invidia, buon salone! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *maggio. "mazzo" in napoletano è un termine un po' osè: chiedi a Lorenzo :-D

      Elimina
    2. Sono reduce da un'intensa giornata di Salone (e ti ho pensato!). Prometto resoconto dettagliato prestissimo, intanto aspetto il tuo pensiero su Basile ;)

      Elimina
  2. Se dovessi riassumere la mia settimana scriverei un bellissimo articolo sul restyling di taluni ambienti della casa! Capisci a me ;)

    RispondiElimina
  3. Mi raccomando, qui ci aspettiamo un resoconto dettagliato
    (ultra-dettagliato) del Salone!
    P.S. Faccio mea culpa: l'ultima volta ti ho fatto una paternale su quanto siano belle e care le sorprese. E poi ecco che tu mi sganci la bomba "Lorenzo" su Facebook. La giustizia divina si è compiuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prometto solennemente di scrivere un post dettagliatissimo!
      PS: Lorenzo ha parecchio apprezzato ;)

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo