Passa ai contenuti principali

Recensione 'La danza dell'orologio' di Anne Tyler - Guanda


Titolo: La danza dell'orologio || Autore: Anne Tyler || Editore: Guanda
Data di pubblicazione: 18 ottobre 2018 || Pagine: 308

Willa Drake ha speso la vita nel tentativo di essere una donna affidabile, ragionevole, accomodante. L'esatto contrario di quella madre volubile, dal carattere impetuoso, che con i suoi umori violenti ha turbato la serenità della sua infanzia. Per questo ha acconsentito a un matrimonio forse precipitoso, finendo per rinunciare alle sue aspirazioni accademiche; per questo ha cercato di essere sempre comprensiva con i figli e di perdonare al marito la colpa più imperdonabile, quella di averla lasciata vedova. Troppo spesso, insomma, Willa ha permesso a qualcun altro di scegliere al suo posto. Fino a un pomeriggio di metà luglio come tanti, in cui una telefonata la sorprende mentre sta riordinando le sue fasce per capelli. Una telefonata da Baltimora, dove vive il suo figlio maggiore. Non è lui a cercarla: è una donna sconosciuta, che però è convinta di sapere molto di lei e, soprattutto, di avere urgente bisogno del suo aiuto. Senza dissipare l'equivoco, Willa decide impulsivamente di partire, nonostante la perplessità del secondo marito, che vorrebbe trattenerla. Willa si troverà a badare a una bambina di nove anni che non è sua nipote, ma un po' lo diventerà; a portare a spasso un cane che da subito le obbedisce; a inserirsi nelle dinamiche di una comunità che non è la sua, ma forse potrebbe esserlo. Perché forse per Willa è arrivato il momento di aprirsi a nuovi legami, di scegliere stavolta la propria famiglia, per ricominciare.




Leggi Anne Tyler per una volta e non puoi più farne a meno.
Di questa autrice mi innamorai con Una spola di filo blu, romanzo semplice e scorrevole; così sono cosa in libreria appena ho saputo della pubblicazione di questo nuovo lavoro dell'autrice americana.
Ma questa volta, al di là dello stile dell'autrice, che rimane immutato, fluido e piacevole, il romanzo si è rivelato una grande delusione.

Innanzitutto, la sinossi devia parecchio da quella che è la trama del romanzo, portando il lettore ad aspettarsi una storia che celi anche qualche mistero.
Così non è. O meglio, un mistero c'è, ma non riguarda affatto la trama, tanto che la domanda che mi sono posta a fine lettura è stata: cosa voleva raccontarmi l'autrice?

La storia di Willa Drake, che occupa tutte le 308 pagine che compongono questo libro, rimane, infatti, in una sorta di limbo incompiuto.
Nel primo capitolo conosciamo una Willa bambina alle prese con una madre soggetta a continui sbalzi d'umore, una donna in grado di passare dal sorriso al picchiare le figlie nell'arco di pochi minuti.
Tutto questo, che dovrebbe probabilmente aiutare il lettore a capire la psicologia di una Willa adulta, viene relegato a così poche pagine da lasciare una sorta di insoddisfazione in chi legge; un'insoddisfazione che, però, si ha la speranza possa passare andando avanti con la lettura.
Così, purtroppo, non sarà.

Secondo capitolo: sono trascorsi dieci anni e Willa frequenta il College. Torna a casa, per le feste pasquali, portando con sé il suo ragazzo.
Non entro nei particolari per non annoiarvi e non fare spoiler nel caso qualcuno di voi avesse intenzione di leggere questo libro. Vi dico solo che, durante la lettura di questa parte, è iniziata la mia avversione verso Willa; un'avversione che è cresciuta pagina dopo pagina e che, a fine libro, mi ha fatto sperare in una morte lenta e dolorosa della protagonista!

Willa, nelle intenzione dell'autrice, pare debba essere una donna che, dopo una vita vissuta assecondando i due mariti e cercando di essere una madre perfetta e prevedibile per i suoi figli, avrà una riscatto, prendendo finalmente in mano la sua vita e decidendo per sé.
Ma perché ti limiti a sperare, scusa? Perché cincischi? Perché affronti le cose in modo così indiretto?
Il risultato ottenuto, invece, è stato quello di creare un personaggio con cui è praticamente impossibile entrare in sintonia, che porta il lettore a trascinarsi questo libro pur di non avere a che fare con lei!

Andando avanti con la lettura, troveremo Willa, ormai sessantenne, che riceverà la telefonata di una vicina di casa di Denise, ex ragazza di uno dei suoi due figli.
La vicina le comunica che Denise è in ospedale perché le hanno sparato ad una gamba e serve qualcuno che si prenda cura di Cheryl, la figlia di 9 anni.
Cosa farà, secondo voi, Willa? Ovviamente, salterà sul primo volo per andare a soccorrerla.

Buona parte del romanzo ruota attorno ai giorni che Willa trascorrerà a Baltimora, calandosi nei panni di nonna di una bambina che non è sua nipote e poi cercando di aiutare Denise a riprendere in mano la sua vita.
Questa terza parte del romanzo, oltre ad aumentare l'avversione nei confronti di Willa e a crearne una nuova verso Denise, pecca di banalità: la vita scorre piatta e il lettore si appisola più che sovente!

Il colpo di scena (vabbè, chiamiamolo così!) arriverà nelle ultime 15 righe dell'ultima pagina. 
Brava, Tyler! E che ce ne facciamo adesso?!

La danza dell'orologio è un romanzo con un grandissimo potenziale che rimane inespresso e con dei personaggi detestabili (spero siate morti tutti e se non lo siete, vi troverò e vi ucciderò con le mie mani!), il cui unico pregio, per quanto mi riguarda, rimane la scrittura della sua autrice. 
Chissà, forse era ubriaca quando ha imbastito questa trama!

Commenti

  1. Non ho mai letto la Tyler, ma se in futuro mi verrà voglia di provare credo che anche io inizierò da Una spola di filo blu. Questo credo proprio che lo lascerò dov'è perché se non entro in sintonia con i personaggi, anche io faccio fatica ad apprezzare un libro.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo