Passa ai contenuti principali

Recensione 'The wife' di Meg Wolitzer - Garzanti


Titolo: The wife || Autore: Meg Wolitzer || Editore: Garzanti
Data di pubblicazione: 13 settembre 2018 || Pagine: 237

Su un volo di prima classe per Helsinki siedono, una accanto all'altro, Joan Castleman e suo marito Joe. Lui, scrittore di fama internazionale, è lì per ricevere uno dei più importanti premi letterari, quello che desidera da anni, e lei, come sempre, è al suo fianco. Ma in alta quota, dove si può osservare il mondo da una prospettiva insolita, Joan, incapace di condividere la gioiosa trepidazione del marito, si trova a rivalutare ogni dettaglio del loro matrimonio. E a decidere come e quando lascerà Joe. Per lei non è un passo facile. Non una decisione presa a cuor leggero, ma una scelta ponderata che implica rimettere in discussione un'esistenza intera. La sua. Ha passato fin troppo tempo a recitare il ruolo della moglie impeccabile, accomodante e mai contrariata. Sempre pronta a restare nell'ombra, a negare il proprio talento letterario per non oscurare la fama del marito. Disposta ogni volta a chiudere un occhio sulle piccole trasgressioni di un uomo che non ha mai davvero saputo prendersi cura di sé stesso né di nessun altro. Eppure adesso, dopo più di quarant'anni, Joan sa di dover trovare il coraggio per affrontare la verità e forse condividerla con il mondo di fuori. È il solo modo che ha per ricominciare. Non ci sono strade alternative da percorrere. Perché se dietro ogni grande uomo si nasconde una grande donna, dietro una vita di rinunce e disillusioni si nascondono segreti che a volte è meglio rimangono tali.




Ho letto questo romanzo proprio mentre Glenn Close si aggiudicava il Golden Globe come miglior attrice per il film che ne è stato tratto.
Adoro la Close e non vedo l'ora di gustarmi la trasposizione cinematografica di questo libro, quasi certa, per una volta, che sarà migliore del romanzo stesso.

The wife, definito dal New York Times un ritratto femminista, è parso, ai miei occhi, l'esatto contrario.


Joan è una ragazza di famiglia benestante che, negli anni Cinquanta, si innamora del suo giovane professore di scrittura creativa.
Lui, Jospeh Castleman, è invischiato in un matrimonio alquanto infelice e in un tentativo di carriera da scrittore che pare essere fallito già prima di iniziare.
Tra Joan e Joe è attrazione immediata, tanto che lui lascerà la moglie e lei l'università pur di stare insieme.

Meg Wolitzer ci trascina all'interno delle dinamiche di un rapporto di coppia che appare malato sin dalle prime righe del romanzo.
I due coniugi sono diretti a Helsinki, dove Joe, scrittore ormai affermato e stimato, riceverà un prestigioso premio letterario.
Al suo fianco, come sempre, Joan.
L'istante preciso in cui ho maturato la decisione di lasciarlo, l'attimo in cui mi sono detta "adesso basta", stavamo sfrecciando diecimila metri sopra l'oceano, sospesi nell'illusione di una quiete immobile.
Quasi il loro matrimonio fosse una grande casa, ci troveremo ad esplorare stanze pregne di ricordi e attimi di vita. 
Un modo, quello scelto dall'autrice, che lascia la sensazione di ascoltare una storia raccontata da una voce profonda, sensuale, estremamente elegante.

Nonostante la forza dei personaggi, però, questo romanzo ha lasciato in me più di una perplessità.
Innanzitutto, quello che dovrebbe essere il fulcro della trama, tutto ciò che Joan ha fatto per il marito durante gli oltre trent'anni del loro matrimonio, la sua scelta di rimanere in disparte, sempre defilata
Non avevo idea di chi potesse amare una scrittrice esibizionista. Che tipo di uomo avrebbe potuto starle a fianco senza sentirsi minacciato dai suoi eccessi, dalla sua rabbia, dal suo spirito, dalle sue capacità?
Tutto questo viene relegato alle ultime pagine del romanzo e, anche lì, lo sviluppo è misero, quasi frettoloso.
Il resto del romanzo è, per lo più, un excursus nella vita di una coppia dove l'uomo fa ciò che gli pare e la donna accondiscende da brava geisha.

Anche il finale ha smosso in me una sorta di nervosismo: la scelta di Joan di preservare l'integrità morale di Joe, nonostante tutto ciò che lui le ha fatto partire, mi è parsa una presa in giro nei confronti di se stessa.

Io non sono una femminista, non amo le quote rosa perché, secondo me, non fanno altro che avvalorare la tesi secondo cui noi donne dobbiamo essere tutelate. Se c'è ancora bisogno di questo, allora stiamo andando nella direzione sbagliata.
Joan è un personaggio che, benché sia collocata in un contesto storico diverso rispetto al nostro, appare continuamente repressa: un cagnolino scodinzolante in attesa di una carezza da parte del padrone.

Per la prima volta nella mia vita ho concluso una lettura avendo l'impressione di non essere riuscita a cogliere il messaggio che l'autrice voleva trasmettermi.
The wife mi è parso, più che altro, un bel romanzo, ma anche una grande incompiuta.

Commenti

  1. Close a parte, sempre bravissima ma questa volta in un film troppo piccolo e banale per lei, ho avuto la stessa sensazione che descrivi anche guardando la trasposizione. Passo, anche se della Wolitzer avevo apprezzato un ottimo romanzo per ragazzi ispirato a Sylvia Plath!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi dici che anche il film segue la linea del libro, mi sa che passo anch'io!

      Elimina
  2. Meg Wolitzer è un'autrice che ho molto amato in più di un romanzo, qualche volta però si perde in elucubrazioni un po' fini a se stesse (specialmente quando la parte la "vena femminista". Lo leggerò, per fedeltà all'autrice. Ti consiglio Quando tutto era possibile. Il mio preferito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoli, ma solo io non ho trovato questa vena femminista (anzi, tutt'altro mi è parso!) in questo romanzo? "Quando tutto era possibile" lo ho sul kobo da un'infinità di tempo, ma sono in una fase di totale rigetto verso gli ebook (e speriamo che mi passi...)

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g