Passa ai contenuti principali

Recensione 'Le lettere smarrite di William Woolf' di Helen Cullen - Nord


Titolo: Le lettere smarrite di William Woolf || Autore: Helen Cullen || Editore: Nord
Data di pubblicazione: 2 maggio 2019 || Pagine: 380

C'è un ufficio, a Londra, in cui viene raccolta la posta impossibile da recapitare: buste da cui la pioggia ha cancellato l'indirizzo, o i cui destinatari hanno cambiato casa e non sono più reperibili, biglietti indirizzati a Babbo Natale o alla fatina dei denti. Se sono stati regolarmente affrancati, hanno diritto a un'ultima occasione. Ogni giorno, i detective postali aprono le lettere smarrite, cercando indizi che li possano aiutare a consegnarle. William Woolf svolge questo lavoro con passione da oltre dieci anni, sebbene sua moglie preferirebbe che si cercasse un impiego «serio». Anzi, negli ultimi tempi, William ha l'impressione che Claire preferirebbe proprio avere accanto un uomo diverso, uno più concreto e ambizioso, invece di un eterno sognatore come lui. Dal canto suo, William non può fare a meno di notare quanto Claire sia cambiata. Non è più la ragazza spensierata di cui si è innamorato. È diventata una fredda donna in carriera, sempre impegnata, distante. È forse colpa della frattura che si è creata tra loro due se William si lascia attrarre da una busta blu notte pescata per caso nel sacco grigio della posta. Una busta su sui sono vergate solo quattro parole: Al mio grande amore. All'interno, William trova una lettera scritta da una donna che si firma Winter e che sta aspettando di essere trovata dalla sua anima gemella. Le parole di Winter arrivano dritte al cuore di William, lo sconvolgono e lo commuovono, suscitando in lui sentimenti mai provati prima. Col passare dei giorni, lui si rende conto di aspettare con impazienza quelle buste blu notte. Possibile che fosse destinato a riceverle? Possibile che sia proprio lui, il grande amore di Winter? Per scoprirlo, c'è solo una cosa da fare: William deve trovare Winter. Deve raccogliere gli indizi disseminati tra le lettere. Deve andare da lei e guardarla negli occhi, per capire se è solo l'illusione di un cuore deluso o la sua occasione di essere davvero felice. E se invece la felicità fosse molto più vicina di quanto lui non crede?




Le lettere smarrite di William Woolf è, probabilmente, una delle migliori operazioni di marketing dell'ultimo periodo.
Una copertina che si vorrebbe incorniciare e appendere al muro, seguita da una sinossi che profuma di magia, di tenerezza e di novità.
A tutto ciò, per chi segue Zelda su Instagram, ecco un progetto creato ad arte per promuovere questo romanzo.
Un'operazione di marketing in cui sono caduta anch'io. E vi assicuro che il risveglio non è stato per nulla piacevole!

La sinossi ci porta ad immaginare un ufficio londinese, quello in cui viene raccolta la posta smarrita, come un luogo un po' magico, un luogo in cui ogni cosa possa accadere.
William Woolf e i suoi colleghi sono, nell'immaginario del lettore, quasi come gli elfi di Babbo Natale: persone speciali e innamorate del proprio lavoro, in grado di aiutare quelle parole che hanno perduto la via a ritrovare la strada giusta!
Purtroppo, tutto questo si infrange malamente contro la realtà di ciò che si nasconde tra le pagine di questo romanzo.

Helen Cullen ci narra la storia di William Woolf, aspirante scrittore che abbandona pian piano i suoi sogni e si rifugia nel suo lavoro presso l'Ufficio delle Lettere Morte.
William è sposato con Clare, il suo grande amore, ma il loro rapporto attraversa, ormai da tempo, una profonda crisi.
Mentre William pare adagiarsi sempre più nel bozzolo rassicurante del suo ufficio, Clare si proietta, invece, verso la carriera di avvocato.
Il rapporto tra i due è fatto di silenzi e frustrazioni; William e Clare, ormai da tempo, non riescono a  dialogare senza arrivare allo scontro.
Quando, dopo l'ennesima discussione, Clare decide di andare via per stare un po' da sola e riflettere, William si rende conto che il suo matrimonio potrebbe davvero essere giunto al capolinea.

L'unica cosa che lo tiene vivo paiono essere le lettere che una certa Winter indirizza al suo Grande Amore; William coglie un segno dietro queste lettere così appassionate e decide di iniziare a cercare la misteriosa Winter.

Se questo romanzo non si fosse "travestito", indossando gli abiti di una storia diversa, probabilmente io non mi sarei sentita così presa in giro e avrei abbassato le mie aspettative o, forse, non lo avrei proprio preso in considerazione.
Il problema è stato che mi aspettavo un libro che mi parlasse di lettere smarrite e magari di coloro che le hanno scritte, invece mi sono ritrovata a leggere la storia di una coppia in crisi.
Coppia, peraltro, i cui due componenti sono tutto meno che amabili e per nulla esenti da torti.
William pare davvero vivere su una nuvoletta in cui tutto è color arcobaleno. Pare non riuscire a capacitarsi del fatto che il rapporto tra lui e Clare sia in crisi e passa da profondi momenti di nostalgia, in cui ricorda quanto fossero felici e innamorati, a momenti in cui, invece, le sue giornate si concentrano su Winter e sulle sue lettere misteriose, tanto che pare quasi convincersi di esserne lui il destinatario.
Clare, dal canto suo, non riesce ad accettare un marito così poco ambizioso e non fa altro che rimbrottare per qualunque cosa lui dica o faccia.

La cosa peggiore, però, non è stata la presa in giro nel leggere una storia che nulla aveva a che fare con ciò che la sinossi prospettava, bensì il ritrovarmi a dover sopportare un romanzo lento, noioso, carico di parti assolutamente inutili ai fini della storia.

Arrivare all'ultima pagina mi ha lasciato un senso di liberazione unico, quasi mi fossi tolta un peso di dosso.



Commenti

  1. Sembra la serie il mistero delle lettere perdute. La storia è simile tranne per le lettere blu o per l'amore che lui ha per una nuova collega ma per il resto è quasi uguale a Segned saeles delivered

    RispondiElimina
  2. Peccato! Sembrava una bella storia. Fortunatamente ho la versione ebook, ma a questo punto non so se lo leggerò 😔

    RispondiElimina
  3. Ero molto indecisa su questo titolo e tu mi hai fatto capire che non fa proprio per me!

    RispondiElimina
  4. Grazie nostra personale cavia.

    *fugge via veloce veloce*

    RispondiElimina
  5. Ho capito che lo toglierò dalla lista dei libri da leggere quanto prima e lo metterò nella lista dei libri da leggere quando c'è tempo (praticamente mai)

    RispondiElimina
  6. Io ho appena finito di leggere questo disastro di libro, cercavo delle recensioni in giro, mi sono imbattuta in questo blog 😊 comunque di solito sono molto buona quando esprimo un giudizio su un libro appena finito, cerco sempre dei punti a favore, ma questo è stato terribile. Lo trovo senza un senso, specialmente la fine. Fatevi un favore non perdete tempo con questa lettura.

    RispondiElimina
  7. L'ho appena finito e ho subito cercato recensioni in giro... Anch'io sono caduta in questa geniale operazione di marketing ed è inutile dire che sono rimasta proprio delusa. Non solo mi ha infastidito la lentezza della trama e a tratti la noia, che avrei anche potuto sopportare... Ma il finale! Tagliato via così, dopo che ha passato centinaia di pagine sull'aria fritta!!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo