Passa ai contenuti principali

Recensione 'Stelle minori' di Mattia Signorini - Feltrinelli


Titolo: Stelle minori || Autore: Mattia Signorini || Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione: 6 giugno 2019 || Pagine: 224

Sono passati nove anni dal giorno che ha deviato il corso della vita di Zeno, quando in un tragico incidente muore il suo professore, Nicola Sceriman. Ora Zeno ha trent'anni, insegna in un liceo e sta per sposarsi: è arrivato il momento di fare i conti con il passato. Perché solo lui e Agata, la sua ragazza di allora, sanno come sono andate davvero le cose, solo loro conoscono la verità sulla morte di Sceriman. Ed è proprio Agata a rompere l'antico patto di silenzio attraverso una lettera in cui gli chiede di incontrarla: "Ci sono delle cose che ancora non sai, Zeno. È sull'Altopiano di Asiago che è iniziato il nostro silenzio, e credo sia lì che dobbiamo concludere questa storia, adesso con le giuste parole. Ho bisogno di farlo, perché ho paura di quello che accadrebbe alla tua vita se ritornasse a galla tutto quanto". Nel ricostruire quel giorno lontano torna l'amore che legava Zeno e Agata e tornano le promesse di futuro che gli anni dell'università e della gioventù portavano con sé, l'impressione di poterlo cambiare, quel futuro, il fascino sprigionato da Sceriman - autore di un solo romanzo, acclamato dalla critica e amato dai ragazzi, "La natura umana", e professore anticonvenzionale, capace di stringere con gli allievi rapporti di grande vicinanza, di coinvolgerli in progetti ambiziosi, esaltanti... Ma tornano anche le verità nascoste, le ombre che raccontano un'altra storia.




Quando mi viene chiesto quanto tempo io impieghi a leggere un libro, la risposta più scontata sarebbe sempre: "Dipende dal numero di pagine". In un certo qual modo, questa cosa è vera, perché io, da brava maniaca psicopatica (disturbo che condivido gioiosamente con Deborah!), divido i libri in numero di pagine da leggere giornalmente (state già chiamando la neuro, vero?!).
Questo succede perché così riesco a gestire più facilmente il blog, stilando un calendario editoriale ben equilibrato (lasciatemi vivere coi miei disturbi mentali, vi prego!).
Poi, come in tutti i campi della vita, ci sono gli imprevisti e le eccezioni! Capitano momenti di stanchezza o giornate particolarmente piene, ma capitano, soprattutto, libri come quello di Mattia Signorini: lo guardi, lo vedi piccolo, neanche 250 pagine e pensi di divorarlo in un pomeriggio, due al massimo.
E invece Mattia ti frega e anche in maniera subdola! Perché, insomma, chi se lo aspettava un romanzo così profondo?
Immergersi tra le pagine di Stelle minori sarà come fare un viaggio in noi stessi, dentro ciò che eravamo, ciò che avremmo voluto essere e ciò, che invece, siamo diventati.
Se c'era una cosa che credevo certa, quella è il nostro passato. Una linea netta che attraversa l'esistenza fermandosi al limitare dei giorni che stiamo vivendo, rendendoci quelli che siamo, nel bene e nel male.
La storia di Agata e Zeno ci porta sull'Altopiano di Asiago, ma soprattutto ci porta all'interno dell'animo umano, quello di due ragazzi che, durante gli anni universitari hanno condiviso l'amore, il sesso e le ideologie e che portano dentro un grande segreto.

Sono trascorsi 10 anni dall'ultima volta in cui Agata e Zeno si sono visti, 10 anni da quella notte tra il 23 e il 24 marzo 2009 in cui le loro vite hanno preso una piega inaspettata, separandosi per sempre.
Dieci anni dopo, il sogno di Agata, diventare una scrittrice, è andato in frantumi; e Zeno, studente non proprio modello ai tempi della scuola, è diventato un insegnante!
Ma per quale motivo Agata, nonostante la promessa che si erano fatti, ha deciso di cercarlo di nuovo?
È sull'Altopiano di Asiago che è iniziato il nostro silenzio, e credo sia lì che dobbiamo concludere questa storia, adesso con le giuste parole.

In un perfetto alternarsi di salti temporali, portandoci avanti e indietro tra il passato e il presente, Signorini ci porta a scoprire chi erano Agata e Zeno nel 2009, chi sono oggi e, soprattutto, qual è il segreto che li ha divisi e separati per sempre.


Saranno molti i momenti in cui il lettore si troverà a riflettere sulle scelte dei due ragazzi e altrettanti saranno i momenti in cui, invece, si avrà la sensazione di essere parte integrante della narrazione, quasi si fosse un osservatore riservato e silenzioso, seduto lì, un po' più indietro rispetto ai due protagonisti, ma partecipe di ogni situazione.

Stelle minori è un romanzo poetico tanto quanto forte, pragmatico tanto quanto chiaro. Mattia Signorini semina indizi tra parole che appaiono come poesia pura!

Agata è un personaggio talmente controverso e irritante che è impossibile riuscire ad entrarci in sintonia e, man mano che la narrazione procede, nessun suo comportamento troverà alcuna giustificazione agli occhi del lettore. Ma arrivati alla fine della storia, sarà impossibile non rendersi conto che Agata è umana, come lo siamo tutti; e che, come tutti, non abbia fatto altro che cercare di salvarsi. Sicuramente in modo sbagliato, sicuramente ferendo chi le stava accanto, ma è umana.

E poi c'è Zeno! Zeno è uno di quei personaggi impossibili da capire. Tanto schivo quanto tenero, figlio di un passato doloroso, di grandi silenzi e piccole solitudini, Zeno entra nel cuore dei lettori in punta di piedi, proprio come colui che l'ha creato.
Ci saranno momenti, durante la lettura, in cui vi verrà voglia di scrollare questo ragazzo fatto di fragilità e amore e dirgli di fuggire, di andare via, lontano da quella ragazza che, in fondo, non fa altro che ferirlo.

Stelle minori è un romanzo che va gustato, assaporato, sorseggiato, come quella birra ghiacciata che Agata e Zeno bevono guardando l'orizzonte.
È una storia che entra nel cuore in punta di piedi, si accomoda e si ritaglia il suo piccolo spazio per rimanerci per sempre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi