mercoledì 17 luglio 2019

Recensione 'Stelle minori' di Mattia Signorini - Feltrinelli


Titolo: Stelle minori || Autore: Mattia Signorini || Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione: 6 giugno 2019 || Pagine: 224

Sono passati nove anni dal giorno che ha deviato il corso della vita di Zeno, quando in un tragico incidente muore il suo professore, Nicola Sceriman. Ora Zeno ha trent'anni, insegna in un liceo e sta per sposarsi: è arrivato il momento di fare i conti con il passato. Perché solo lui e Agata, la sua ragazza di allora, sanno come sono andate davvero le cose, solo loro conoscono la verità sulla morte di Sceriman. Ed è proprio Agata a rompere l'antico patto di silenzio attraverso una lettera in cui gli chiede di incontrarla: "Ci sono delle cose che ancora non sai, Zeno. È sull'Altopiano di Asiago che è iniziato il nostro silenzio, e credo sia lì che dobbiamo concludere questa storia, adesso con le giuste parole. Ho bisogno di farlo, perché ho paura di quello che accadrebbe alla tua vita se ritornasse a galla tutto quanto". Nel ricostruire quel giorno lontano torna l'amore che legava Zeno e Agata e tornano le promesse di futuro che gli anni dell'università e della gioventù portavano con sé, l'impressione di poterlo cambiare, quel futuro, il fascino sprigionato da Sceriman - autore di un solo romanzo, acclamato dalla critica e amato dai ragazzi, "La natura umana", e professore anticonvenzionale, capace di stringere con gli allievi rapporti di grande vicinanza, di coinvolgerli in progetti ambiziosi, esaltanti... Ma tornano anche le verità nascoste, le ombre che raccontano un'altra storia.




Quando mi viene chiesto quanto tempo io impieghi a leggere un libro, la risposta più scontata sarebbe sempre: "Dipende dal numero di pagine". In un certo qual modo, questa cosa è vera, perché io, da brava maniaca psicopatica (disturbo che condivido gioiosamente con Deborah!), divido i libri in numero di pagine da leggere giornalmente (state già chiamando la neuro, vero?!).
Questo succede perché così riesco a gestire più facilmente il blog, stilando un calendario editoriale ben equilibrato (lasciatemi vivere coi miei disturbi mentali, vi prego!).
Poi, come in tutti i campi della vita, ci sono gli imprevisti e le eccezioni! Capitano momenti di stanchezza o giornate particolarmente piene, ma capitano, soprattutto, libri come quello di Mattia Signorini: lo guardi, lo vedi piccolo, neanche 250 pagine e pensi di divorarlo in un pomeriggio, due al massimo.
E invece Mattia ti frega e anche in maniera subdola! Perché, insomma, chi se lo aspettava un romanzo così profondo?
Immergersi tra le pagine di Stelle minori sarà come fare un viaggio in noi stessi, dentro ciò che eravamo, ciò che avremmo voluto essere e ciò, che invece, siamo diventati.
Se c'era una cosa che credevo certa, quella è il nostro passato. Una linea netta che attraversa l'esistenza fermandosi al limitare dei giorni che stiamo vivendo, rendendoci quelli che siamo, nel bene e nel male.
La storia di Agata e Zeno ci porta sull'Altopiano di Asiago, ma soprattutto ci porta all'interno dell'animo umano, quello di due ragazzi che, durante gli anni universitari hanno condiviso l'amore, il sesso e le ideologie e che portano dentro un grande segreto.

Sono trascorsi 10 anni dall'ultima volta in cui Agata e Zeno si sono visti, 10 anni da quella notte tra il 23 e il 24 marzo 2009 in cui le loro vite hanno preso una piega inaspettata, separandosi per sempre.
Dieci anni dopo, il sogno di Agata, diventare una scrittrice, è andato in frantumi; e Zeno, studente non proprio modello ai tempi della scuola, è diventato un insegnante!
Ma per quale motivo Agata, nonostante la promessa che si erano fatti, ha deciso di cercarlo di nuovo?
È sull'Altopiano di Asiago che è iniziato il nostro silenzio, e credo sia lì che dobbiamo concludere questa storia, adesso con le giuste parole.

In un perfetto alternarsi di salti temporali, portandoci avanti e indietro tra il passato e il presente, Signorini ci porta a scoprire chi erano Agata e Zeno nel 2009, chi sono oggi e, soprattutto, qual è il segreto che li ha divisi e separati per sempre.


Saranno molti i momenti in cui il lettore si troverà a riflettere sulle scelte dei due ragazzi e altrettanti saranno i momenti in cui, invece, si avrà la sensazione di essere parte integrante della narrazione, quasi si fosse un osservatore riservato e silenzioso, seduto lì, un po' più indietro rispetto ai due protagonisti, ma partecipe di ogni situazione.

Stelle minori è un romanzo poetico tanto quanto forte, pragmatico tanto quanto chiaro. Mattia Signorini semina indizi tra parole che appaiono come poesia pura!

Agata è un personaggio talmente controverso e irritante che è impossibile riuscire ad entrarci in sintonia e, man mano che la narrazione procede, nessun suo comportamento troverà alcuna giustificazione agli occhi del lettore. Ma arrivati alla fine della storia, sarà impossibile non rendersi conto che Agata è umana, come lo siamo tutti; e che, come tutti, non abbia fatto altro che cercare di salvarsi. Sicuramente in modo sbagliato, sicuramente ferendo chi le stava accanto, ma è umana.

E poi c'è Zeno! Zeno è uno di quei personaggi impossibili da capire. Tanto schivo quanto tenero, figlio di un passato doloroso, di grandi silenzi e piccole solitudini, Zeno entra nel cuore dei lettori in punta di piedi, proprio come colui che l'ha creato.
Ci saranno momenti, durante la lettura, in cui vi verrà voglia di scrollare questo ragazzo fatto di fragilità e amore e dirgli di fuggire, di andare via, lontano da quella ragazza che, in fondo, non fa altro che ferirlo.

Stelle minori è un romanzo che va gustato, assaporato, sorseggiato, come quella birra ghiacciata che Agata e Zeno bevono guardando l'orizzonte.
È una storia che entra nel cuore in punta di piedi, si accomoda e si ritaglia il suo piccolo spazio per rimanerci per sempre.

Nessun commento:

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^