Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il ballo delle pazze" di Victoria Mas - Edizioni e/o


IL BALLO DELLE PAZZE || Victoria Mas || Edizioni e/o || 10 febbraio 2020 || 189 pagine

Parigi, 1885. A fine Ottocento l'ospedale della Salpêtrière è né più né meno che un manicomio femminile. Certo, le internate non sono più tenute in catene come nel Seicento, vengono chiamate "isteriche" e curate con l'ipnosi dall'illustre dottor Charcot, ma sono comunque strettamente sorvegliate, tagliate fuori da ogni contatto con l'esterno e sottoposte a esperimenti azzardati e impietosi. Alla Salpêtrière si entra e non si esce. In realtà buona parte delle cosiddette alienate sono donne scomode, rifiutate, che le loro famiglie abbandonano in ospedale per sbarazzarsene. Alla Salpêtrière si incontrano: Louise, adolescente figlia del popolo, finita lì in seguito a terribili vicissitudini che hanno sconvolto la sua giovane vita; Eugénie, signorina di buona famiglia allontanata dai suoi perché troppo bizzarra e anticonformista; Geneviève, la capoinfermiera rigida e severa, convinta della superiorità della scienza su tutto. E poi c'è Thérèse, la decana delle internate, molto più saggia che pazza, una specie di madre per le più giovani. Benché molto diverse, tutte hanno chiara una cosa: la loro sorte è stata decisa dagli uomini, dallo strapotere che gli uomini hanno sulle donne. A sconvolgere e trasformare la loro vita sarà il "ballo delle pazze", ossia il ballo mascherato che si tiene ogni anno alla Salpêtrière e a cui viene invitata la crème di Parigi. In quell'occasione, mascherarsi farà cadere le maschere...


La Salpêtrière è un deposito per tutte quelle che disturbano l'ordine costituito, un manicomio per tutte quelle la cui sensibilità non corrisponde alle aspettative, una prigione per donne colpevoli di avere un'opinione.

Ancora oggi il ruolo della donna nella società è sinonimo di lotta: lotta per i propri diritti, per il riconoscimento delle proprie capacità, per la libertà.
Anche nelle società più civilizzate, la donna rimane spesso un passo indietro rispetto all'uomo. Deve essere moglie, madre e lavoratrice e non le è concessa stanchezza alcuna.
È la figura più soggetta a critiche, qualunque siano le sue scelte: perché lavori invece di stare a casa a curare i tuoi figli? Perché stai a casa e ti fai mantenere? Perché non fai un figlio? Perché non ti sposi? Perché ti vesti in quel modo?
La parità, inutile illuderci, è un traguardo ancora ben lontano dall'essere raggiunto.
E, per assurdo, possiamo ritenerci fortunate, perché viviamo in una società in cui non ci viene imposto un matrimonio, in cui non ci viene fatto indossare un velo, in cui essere stuprate non ci farà internare in manicomio.

La Salpêtriére, Parigi, 1885. Tante sono le donne che ne percorrono i corridoi, ne popolano le grandi camere, passeggiano nel parco.
Internate, le chiamano. Isteriche. Pazze. È così che la società le definisce. Dietro ognuna di loro si nasconde un dolore profondo, una perdita, un abuso.
Ma quante di quelle donne sono lì perché pazze davvero? Ce lo racconta Victoria Mas, che con questo esordio breve e intenso ci fa riflettere sul ruolo della donna e sulla sua fragilità, ma, soprattutto, sul suo essere in balìa delle scelte degli uomini.

Sarà così che conosceremo la giovane Eugénie, una ragazza di buona famiglia; una ragazza dal carattere forte, assolutamente inadatta a piegarsi al volere del padre e a tacere davanti alle convenzioni e agli obblighi che la società dell'epoca le impone. 
È troppo bizzarra, Eugénie, perché il padre possa tenerla in casa e sarà questo il motivo che la porterà a essere rinchiusa tra le mura della Salpêtriére.
Mura che vedono al loro servizio il famoso Dottor Charcot, ma, soprattutto, la rigidissima infermiera Geneviève, una donna che ha riposto nella solidità della scienza tutta la sua vita.
Sarà proprio l'incontro con Eugénie a cambiare completamente la sua visione delle cose, ma anche la sua intera esistenza.

Mas ci introduce nelle camere della Salpêtriere così come nella mente e nei pensieri di alcune delle ospiti.
Ci racconta, senza filtri, le loro storie, non facendo mai leva sulla pena, ma puntando lo sguardo sull'ingiustizia, su come l'essere donna fosse spesso sinonimo di "essere inferiore".
Donne che volevano semplicemente vivere la loro vita, che hanno "osato" essere belle, piacere a qualcuno, dire no, sono state chiuse tra le mura di un manicomio, dimenticate per sempre, quasi non fossero mai esistite.

Un romanzo che scorre veloce come le acque della Senna e che ci traghetta verso un finale al cardiopalma, scioccante quanto doloroso, dolce quanto commovente.
Perché, forse, l'unica cosa sulla quale possiamo ancora contare, è la mano amica di un'altra donna come noi.



Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito una copia del romanzo

Commenti

  1. Risposte
    1. La delicatezza e l'educazione che usiamo sui blog a paragone coi nostri messaggi whatsapp, fanno di noi due bipolari da ricovero!

      Elimina
  2. un libro intenso scritto senza orpelli. Apprezzato molto per esperienza personale. (Giannina-go-)

    RispondiElimina
  3. Finalmente una recensione scritta bene. Grazie per averla scritta e condivisa. Chissà, un giorno ritorneremo ai blog con più forza e si ritornerà a commentare con la creanza

    RispondiElimina
  4. Concordo! il romanzo scorre veloce senza orpelli e ci porta a Parigi alla fine dell'800 quando una donna che in qualche modo infastidiva l'ordine prestabilito dal capofamiglia veniva scacciata come una mosca, nello specifico internata in un manicomio da cui non si usciva più. I tempi sono cambiati e una bacchetta magica non può più farci sparire, ma farcela trovare lunga o farci sentire colpevoli e giudicate di continuo SI'

    RispondiElimina
  5. devo ancora comprare questo libro,e appunto per questo volevo leggere qualche recensione ed è stata la cosa migliore che potessi fare,ho grandi aspettative da questo libro

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo