Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il gioco delle ultime volte' di Margherita Oggero - Einaudi



IL GIOCO DELLE ULTIME VOLTE || Margherita Oggero || Einaudi || 2 febbraio 2021 || 164 pagine

Ale, diciassette anni non ancora compiuti, scontenta, viziata, confusa. Lo ha sentito benissimo il rumore del tram, quando ha spiccato un balzo verso le rotaie. E Nicola, il medico che l'ha soccorsa appena arrivata in ospedale, non riesce proprio a togliersela dalla testa, quella ragazza più vicina alla morte che alla vita. Perché lo scudo professionale certe volte è di cartapesta, e anche la bellezza può essere un coltello che allarga le nostre ferite. Davanti a sé, adesso, ha un lungo week-end da trascorrere con la moglie Teresa a Chamois, a casa di amici. Un week-end come tanti, si direbbe. Cene, passeggiate, chiacchiere davanti al camino. Ma in quei pochi giorni, per lui e per tutti gli altri, il tempo subirà un'accelerazione e procederà in tutte le direzioni. Ognuno sarà costretto a fare un bilancio della propria vita e a portare allo scoperto i segreti che nasconde persino a se stesso. A catalizzare tutto, forse, l'ombra di Ale, e per Nicola anche un fantasma in carne ed ossa che viene dal passato: il suo vecchio amico Matteo che non vede dagli anni del liceo. Qualcuno proporrà un gioco innocuo per passare il tempo: ma sarà il tempo invece a passare su ognuno di loro. «Il gioco delle ultime volte» ha le sue regole: ciascuno deve raccontare l'ultima occasione in cui ha fatto o visto una determinata cosa o persona; valgono sia i ricordi veri sia quelli inventati. C'è chi parla di una casa in cui ha trascorso le vacanze da ragazzo, chi s'inventa (chissà perché) di aver nostalgia di un anello che non ha mai perso, chi si spinge più a fondo. Come Nicola, e Matteo, che finalmente a notte fonda si troveranno faccia a faccia per continuare quel gioco da soli. Non si vedono da trent'anni: da quando ad Amsterdam, dove erano in vacanza insieme, Matteo aveva fatto a Nicola «uno scherzo» che li avrebbe segnati per sempre.

Amo Margherita Oggero. È una di quelle scrittrici che mi fa sentire a casa tra le pagine dei suoi romanzi, ma, allo stesso tempo, non sento l'esigenza di leggere ogni sua pubblicazione.
Seleziono attentamente le storie che ci regala, lasciandomi guidare dalle sensazioni che mi trasmette la trama.
Peccato che io, ingenuamente, dimentichi sempre che le trame, in quarta di copertina, vengano spesso scritte da bugiardi patologici o da qualcuno sicuramente avvezzo all'uso di alcool o di stupefacenti... o di entrambi!

Quest'ultimo romanzo dell'autrice piemontese dovrebbe (il condizionale è d'obbligo!) raccontarci la storia di Ale, bellissima diciassettenne che decide di gettarsi sotto un tram, e di Nicola, il medico di turno al Pronto Soccorso al momento dell'arrivo della ragazza.
Dovrebbe (sì, sempre il condizionale serve!) raccontarci di come la vista di questa ragazza bellissima e in fin di vita, influisca su Nicola.
Dovrebbe. E forse in qualche modo lo fa... in maniera sommaria, superficiale, molto sopra le righe.

La sensazione iniziale che ho provato leggendo questo romanzo, è stata quella di procedere a balzelli.
L'autrice ci catapulta immediatamente all'interno degli avvenimenti, senza alcun preambolo e senza darci modo di familiarizzare con i personaggi.
Ma questo risulta essere il male minore nel complesso della narrazione.

La storia si dipana su tre giorni, ognuno dei quali compone un intero capitolo del romanzo, a sua volta diviso in tanti paragrafi.
Ogni paragrafo ci racconta un po' di ognuno dei personaggi di questo libro.
E i personaggi sono davvero tanti e tutti talmente poco caratterizzati che, ad esclusione di Ale e di Nicola, all'inizio di ogni paragrafo mi sono trovata a chiedermi: "Ma questo chi è?".
La sensazione di saltare di palo in frasca, che speravo si attenuasse col procedere della lettura, si è, invece, trasformata in un fastidio continuo che mi ha portata a rallentare la lettura, non riuscendo in alcun modo a raccapezzarmi o trovare punti di riferimento nella storia.

A tutto ciò si aggiunge la superficialità con la quale vengono trattati i vari argomenti: Ale ci viene raccontata come una ragazza bellissima (aggettivo sul quale viene più e più volte posto l'accento), di buona famiglia, viziata, musona.
Non ha amici, detesta i suoi genitori, benché la Oggero ne tracci un ritratto benevolo, e decide di gettarsi sotto un tram.
La causa scatenante è talmente futile che il lettore rimane perplesso, continuando a pensare, quasi sperare, che alla fine ci venga rivelato qualcosa di più importante. No, niente da fare!
Non si riesce a provare dolore per questa ragazza, che, per quel poco che ci viene detto, risulta egocentrica e piena di sé.
Lo stesso dolore che non si riesce a provare per i genitori di Ale e non per mancanza di sensibilità, quanto per una frettolosa e asettica chiusura della storia: tutto viene liquidato velocemente, così come veloce è stato il lancio di Ale verso il tram.

Attorno a questa storia, quella di Nicola e delle sei coppie di amici con i quali si trova a trascorrere un fine settimana in montagna.
Qualche segreto che viene svelato, qualche confessione che viene fatta, ma anche in questo caso, la parola d'ordine rimane "superficialità".

A un certo punto, l'impressione che si ricava da questa lettura è quella di trovarsi tra le mani le tracce per almeno quattro romanzi diversi, quasi la Oggero abbia consegnato alle stampe il suo blocco degli appunti anziché una storia completa.

Rimane, anche se offuscata, la bella scrittura di Margherita Oggero, che lascia un ancora più grande senso di insoddisfazione per quella che è stata, certamente, un'occasione sprecata.



 
Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito una copia del romanzo

Commenti

  1. Sono perfettamente d'accordo. Nessun approfondimento dei caratteri dei personaggi, benchè sia abituata a leggere non si riescono neanche a mettere insieme tutte le coppie, si salta continuamente da una all'altra in modo casuale. Non ci siamo.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i