Diario di Bordo - Maggio

by - 1.6.23


Prendete nota: a maggio non si legge. Se avete figli che frequentano la scuola, soprattutto le superiori, maggio è il mese deputato alla non-lettura causa verifiche e interrogazioni che manco quando andavate a scuola voi dovevate studiare così tanto!
Avete segnato? Bene, ora possiamo vedere cosa è accaduto a maggio mentre non leggevo!


Le letture Ma se vi ho appena detto che a maggio non si legge! Tre-libri-tre: a tanto ammontano le mie letture di maggio.
Tra verifiche, interrogazioni, prime ondate di caldo (che, per fortuna, sono durate poco, ma diciamolo piano), stanchezza cronica, sono stati più i giorni trascorsi senza leggere neanche una riga di quelli che mi hanno vista con un libro tra le mani.
Abbandonato dopo un centinaio di pagine "L'equilibrio delle lucciole" di Valeria Tron, la cui scrittura mi è risultata indigeribile, con gli altri tre libri non è andata molto meglio:
Grandissima delusione per il ritorno in libreria di Fausto Brizzi, col suo "Siamo scritti a matita", una sorta di 007 versione cartacea, e per "Il mio nome è Lily", un romanzo per ragazzi quasi del tutto incentrato sulla storiella d'amore tra i due protagonisti.
Unico libro degno di nota è stato "Ti prendo e ti porto via" di Niccolò Ammaniti che, nonostante i congiuntivi trucidati e le troppe scene di sesso, resta nel cuore per la storia dolorosa che ci racconta.

In compenso, nel blog abbiamo chiacchierato un po: prima di libri sempre meno belli e poi del fenomeno BookTok che, da quello che ho intravisto su Instagram, pare essere diventato il fulcro degli stand di alcune Case Editrici durante il Salone del Libro, con tanto di angoli attrezzati per poter girare video e tour e incontri creati appositamente per i BookToker.
E direi che dopo questo, il fondo è stato definitivamente toccato!


Cosa leggerò a giugno?
 Direi che la frase corretta sarebbe "cosa spero di leggere a giugno", ma viviamo di ottimismo e facciamo finta di credere che, con la fine della scuola, il mio tempo per leggere aumenterà notevolmente!
Io la tbr l'ho stilata (c'è mai stato un momento in cui l'ho fatto?) e devo dire che sono proprio curiosa di leggere i libri che ho messo in lista!

  • "Irina Nikolaeva o l'arte del romanzo" di Paola Capriolo, per la rubrica #sullostessodivano (meglio conosciuta come "vediamo quale libro ci farà schifo questo mese")
  • "Resta con me, sorella" di Emanuela Canepa
  • "La correttrice" di Emanuela Fontana
  • "La malnata" di Beatrice Salvioni
  • "Vieni tu giorno nella notte" di Cinzia Leone
  • "La voce del buio" di Gigi Paoli
In tv Mese di serie tv quello di maggio. Assieme a Consorte ho iniziato a guardare "9-1-1" su Disney+. È una serie ambientata a Los Angeles, che vede protagonisti i vigili del fuoco della città californiana.

Giunta alla sesta stagione (noi abbiamo appena iniziato la quarta), è una di quelle serie perfette per staccare la spina: gli episodi sono abbastanza corti e scorrono via veloci.
La serie è più incentrata sulla vita privata dei protagonisti che non sulle emergenze da risolvere, che sono almeno tre per ogni episodio e spesso rimangono marginali, soprattutto nelle prime due stagioni.
Carina, sicuramente perfetta per quando non si ha voglia di impegnare la mente più di tanto!

Da sola, invece, ho guardato le due stagioni di "A casa tutti bene", serie tv Sky diretta da Gabriele Muccino.
Era da parecchio tempo che volevo guardarla e finalmente sono riuscita a trovare il tempo per farlo, anzi direi per divorarla, visto che ho impiegato quattro giorni scarsi per far fuori tutti i 16 episodi.
Racconta la storia di tre fratelli che devono dibattersi tra i problemi personali e quelli familiari che piombano su di loro dopo la morte del padre.
Che Muccino sia un bravissimo regista non devo certo dirvelo io, ma credo che con questa serie abbia fatto un lavoro sopraffino.
I personaggi sono tutti ben caratterizzati, la storia scorre veloce e coinvolgente, lasciando lo spettatore sul filo del rasoio della curiosità.
L'ultimo episodio della prima stagione si chiude in maniera tragica, regalando, allo stesso tempo, risposte alle mille domande che ci si pone negli episodi precedenti.
Per fortuna c'è già la seconda stagione, perché altrimenti sarei morta di curiosità!

Oh, ovviamente, ho guardato la nuova stagione di "The Ferragnez" e tirato mille insulti a Fedez che, col primo episodio, mi ha fatto piangere pure l'acqua del battesimo!

In cucina Non avrò letto, ma sicuramente ho mangiato (e cucinato) tanto! Finalmente ho trovato una
ricetta valida per la "linguaccia romana", una pizza rossa, sottile e croccante che si prepara in pochissimo tempo e si divora altrettanto velocemente!
Figlio ha voluto una serata a tema messicano, quindi via di fajitas, accompagnati, però, da un dolce tutto italiano: la torta tenerina, una delle mie preferite, perché oltre a essere buonissima, si prepara velocemente e fa sempre la sua figura!

You May Also Like

0 comments

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^