Passa ai contenuti principali

Recensione 'Squadra speciale Minestrina in Brodo - Operazione Portofino' di Roberto Centazzo - Tea

Sono stati congedati per raggiunti limiti di età, ma hanno ancora ben più di una cartuccia da sparare. Così, l'ex sostituto commissario e vice dirigente della Squadra mobile, Ferruccio Pammattone, l'ex sovrintendente della Scientifica, Eugenio Mignogna, e Luc Santoro, già assistente capo all'Immigrazione, decisi a proseguire nel rendere difficile la vita ai malviventi e pronti a sfidare le regole, hanno dato vita alla «Squadra speciale Minestrina in brodo». E se all'inizio i loro ex colleghi alla Questura di Genova li hanno guardati storto, una volta brillantemente chiusa la prima indagine, i tre temibili vecchietti sono stati ufficiosamente «arruolati» per risolvere quei casi che, per mancanza di tempo o di risorse, gli inquirenti sono costretti a trascurare. Ecco perché, di fronte a una serie di furti di auto di lusso, che richiamano da vicino un caso relegato da anni nello schedario delle cause perse, il nuovo commissario Lugano non ha dubbi: se ne occuperanno loro, Pammattone, Mignogna e Santoro, in arte Semolino, Kukident e Maalox.
Tra uno schema di parole crociate e una passeggiata sul lungomare di Portofino, una fiera di paese e una gita a Saint-Tropez, i tre si mettono all'opera per smantellare l'organizzazione criminale che da anni metteva in croce Carabinieri e Polizia della Riviera. Mescolando con abilità i toni della commedia alle atmosfere del giallo, il secondo romanzo della serie diverte ancora più del primo.

Autore: Roberto Centazzo
Editore: Tea
Data di pubblicazione: 19 gennaio 2017
Pagine: 248

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 4  Copertina: 4 






Tornano Ferruccio Pammattone, Eugenio Mignogna e Luc Santoro, alias Semolino, Kukident e Maalox, in arte la Squadra speciale minestrina in brodo!
I nostri tre scalcagnati eroi, ormai in pensione per raggiunti limiti di età, paiono non aver proprio voglia di starsene tranquilli e godersi il meritato riposo! 
Ma, in fondo, è proprio il sostituto commissario Andrea Lugaro a spingere il suo ex superiore a dargli una mano per venire a capo di una serie di furti di auto di lusso.

Così, dopo aver conosciuto i tre nella loro prima avventura, li ritroviamo, in questo secondo romanzo, sempre in bilico tra la nuova quotidianità e la voglia di proseguire, anche se in maniera non ufficiale, le loro indagini!
Intanto, anche le vite private dei tre non sono esenti da scossoni, divise tra rapporti di coppia che sembrano vacillare, attacchi di solitudine e figlie che riserveranno non poche sorprese!

Tra un'avventura e l'altra, Roberto Centazzo ci riporta sulla costa ligure, in un autunno che pare non volerne sapere di lasciare spazio alle piogge e che si presta a passeggiate sul lungomare degne delle migliori sere d'estate!
E tra una passeggiata e un appostamento, anche stavolta i nostri anziani eroi riusciranno a riscuotere un successo!

Lo stile è quello fresco e frizzante cui Roberto Centazzo ci ha abituati!
La storia scorre fluida, miscelando facilmente vita privata e professionale dei tre personaggi, accompagnandoci verso un finale affatto scontato!

E a questo punto non resta che augurarsi che la penna dell'autore tiri fuori una nuova avventura per i tre anziani eroi che, per chi ha già avuto modo di conoscerli, risultano essere simpatici compagni per un pomeriggio di svago!

Nota piacevole di questo romanzo, il fatto che lo si possa tranquillamente apprezzare e capire pur non avendo letto il precedente. Poi, sicuramente, avrete voglia di recuperarlo, ma quello è un altro discorso!



Commenti

  1. Io ho sempre in lista il primo...non c'è un obiettivo della challenge che dice "leggi un libro nel cui titolo ci sia la parola minestrina"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, spiacente! Magari te lo creiamo apposta! Però vorrei farti notare che io l'ho recensito nel 2016 e quell'obiettivo c'è ;)

      Elimina
    2. Ok, me lo dico da sola: cretina!

      Elimina
  2. Lo aggiungo alla lista dei libri che vorrei leggere!

    NUOVO POST sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Mi sono fiondata a leggere il post attratta dal titolo del libro.
    Non conoscevo la serie e, dunque, mi sono persa anche il primo volume ma mi hai illuminata.
    Farò un salto in libreria

    RispondiElimina
  4. Il primo era carino.infatti ho preso anche questo in ebook..spero di poterlo inserire a breve tra le letture!

    RispondiElimina
  5. Devo proprio inserirlo tra le mie future letture.
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
  6. Che libro dalla trama simpatica e una bella copertina :) Da inserire fra i prossimi libri da leggere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un romanzo davvero carino, che ti strapperà sicuramente più di un sorriso!

      Elimina
  7. ok il primo, come ti avevo scritto in altri luoghi (ma non in altri laghi) (ok basta la smetto) non mi aveva entusiasmato. per cui al momento passo, in futuro chissà! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo