Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il bambino bugiardo' di S. K. Tremayne - Garzanti

La vetrata del grande salone si affaccia sul mare della Cornovaglia. Mentre osserva le onde infrangersi sulla scogliera, Rachel si guarda intorno. Stenta ancora a credere che quella sala e l'intera tenuta di Carnhallow siano sue. Si è finalmente gettata alle spalle la sua vita tormentata grazie al matrimonio con David, un ricco avvocato, e al rapporto speciale che ha con il figlio di lui, Jamie, un bambino timido e silenzioso, segnato dalla tragedia della morte della madre, due anni prima. La donna è rimasta vittima di un terribile incidente nelle miniere sotterranee su cui si erge Carnhallow e il suo corpo non è mai stato ritrovato. Rachel si affeziona al piccolo come se fosse suo. Ma improvvisamente il comportamento del bambino diventa molto strano. Comincia a fare sogni premonitori e dice di sentire la voce della madre che lo chiama dal labirinto di cunicoli sotterranei. Finché un freddo pomeriggio d'autunno, mentre lui e Rachel sono soli sulle scogliere, le rivela: «Tu morirai il giorno di Natale». Un tarlo comincia a scavare nella mente di Rachel. Cosa è successo due anni prima? La madre di Jamie è davvero morta? Perché David si rifiuta di parlarne con lei? È possibile che il marito di cui è tanto innamorata le nasconda qualcosa? Dicembre si avvicina e Rachel sa che deve scoprire la verità, e in fretta, perché ogni angolo della sua nuova casa nasconde un pericolo mortale.


Titolo: Il bambino bugiardo
Autore: S. K. Tremayne
Editore: Garzanti
Data di pubblicazione: 18 aprile 2017
Pagine: 320

Trama: 4  Personaggi: 3  Stile: 4 





Aspettavo al varco il nuovo romanzo di Tremayne, che mi aveva conquistata con La gemella silenziosa (ancora adesso, la sola copertina è in grado di trasmettermi ansia!).

E Tremayne, anche se con un piccolo passo indietro rispetto al precedente romanzo, conferma di essere capace di mettere in piedi un thriller che non deluda.

È la grigia, fredda e piovosa Cornovaglia a fare da sfondo a questa storia. Nello specifico, la tenuta di Carnhallow e le miniere che si dipanano sotto di essa.
È lì che Rachel Daly, trentenne proveniente dai quartieri popolari londinesi, si trasferisce dopo aver sposato David. Ed è lì che Rachel dovrà ricoprire anche il ruolo di matrigna del piccolo Jamie, la cui madre è morta pochi anni prima.

Ma cosa si nasconde nei sotterranei di Carnhallow? E come è morta la moglie di David? Ma soprattutto, è davvero morta? Sono queste le domande che ci accompagneranno durante tutta la lettura e che, spesso, ci faranno accapponare la pelle!

Proprio in questo consiste la bravura di Tremayne: nonostante la semplicità della storia, riesce a tenere il lettore col fiato sospeso dalla prima all'ultima pagina. E anche quando tutti i misteri paiono risolti, si ha sempre la sensazione che qualcosa di oscuro possa afferrarci alla gola e trascinarci giù, nelle fredde acque che riempiono i tunnel sotto Carnhallow.

Ciò che, purtroppo, non convince in questo romanzo è la caratterizzazione dei personaggi. Soprattutto Rachel mi è parsa una di quelle attrici che troviamo in tutti i film horror, quelle a cui, immancabilmente, urliamo: "Noooo... non salire le scale"!
Spesso, durante la lettura di questo libro, ho avuto l'impressione di leggere più la sceneggiatura di un film che non un romanzo vero e proprio.

Nonostante ciò, la storia regge, si legge bene e in fretta e io aspetto un nuovo thriller di questo autore!




Commenti

  1. Mi piace la copertina di questo libro e, anche se la trama è semplice, penso che lo leggerò.

    RispondiElimina
  2. Uff, speravo in una stroncatura così da non volerlo più...
    Anche il primo mi era piaciuto molto, e tu fai guai. Vedo di leggerlo presto. :)

    RispondiElimina
  3. Letto il primo grazie a te, ora mi segno anche questo :)
    Mi piace l'idea del nascosto nei sotterranei!!!

    RispondiElimina
  4. Ho adorato La gemella silenziosa e non vedo l'ora di iniziare questo. Spero che sia altrettanto avvincente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altrettanto no, ma è sicuramente un bel thriller!

      Elimina
  5. Avevo apprezzato La gemella silenziosa, anche se con qualche riserva... adesso sono ancora più curiosa di leggere questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se già col primo hai avuto qualche riserva, credo che questo ti deluderà. Come ho scritto nella recensione, non è sicuramente all'altezza de "La gemella silenziosa"

      Elimina
  6. Invece a me non era piaciuto ma credo che prossimamente gli darò una chance... ma solo perchè l'hai letto tu.

    RispondiElimina
  7. Io credo che se non la smetti di dirmi "Questo devi leggerlo", sarò io a sbucare dai sotterranei di casa tua per dirti "IO DEVO DORMIRE!"
    E comunque, segnato anche questo,
    Assonnata Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uff che noiosa che sei! Guarda me, sto imparando a non dormire e sono sveglia e pimpan...zzzzzzzz... dicevamo?

      Elimina
  8. Già segnato ovviamente :)

    RispondiElimina
  9. il primo mi era piaciuto molto e spero di riuscire a leggere anche questo secondo romanzo. ne sono davvero incuriosita. ti saprò dire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che tu devi entrare nel club della gente che non dorme!

      Elimina
  10. Bello, bello, bello! Non vedo l'ora di leggerlo! Il primo libro l'ho trovato davvero da brivido, una storia inquietante e carica di ansia dalla tua recensione deduco che anche questo promette bene! ;D

    RispondiElimina
  11. Ciao Laura!
    Questo sarà il prossimo libro in lettura!
    Spero non mi deluda: il primo mi aveva proprio conquistato! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere, mi raccomando. Io, come ho scritto, l'ho trovato forse un gradino più giù rispetto al primo, ma non mi ha delusa!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i